Ponzano di Civitella del Tronto / Video Teramo, frana distrugge paese: un centinaio di persone evacuate (Ultime notizie oggi, 23 febbraio 2017)

- La Redazione

Ponzano di Civitella del Tronto, una frana distrugge il paese in provincia di Teramo: un centinaio di persone evacuate. Il video (Ultime notizie oggi, 23 febbraio 2017) 

Terremoto_Macerie_Amatrice_R439
Immagini di repertorio (Lapresse)

Una frana sta minacciando un intero paese in provincia di Teramo. Si tratta del borgo di Ponzano di Civitella del Tronto: ieri sono state evacuate 97 persone da 33 abitazioni che sono inagibili. La frana sta interessando buona parte del territorio di questo piccolo borgo: secondo quanto riferito da Il Fatto Quotidiano, ha tagliato a metà la collina e si muove a una profondità di circa 15-20 metri in un’area tra 30 e 40 ettari di terreno agricolo e coinvolgendo anche un tratto di strada provinciale. I tecnici spiegano che gli effetti della frana sono gli stessi di un terremoto. Nei giorni scorsi il geologo Paolo Marsan della Protezione civile nazionale aveva sottolineato che “si tratta di una paleofrana che si muove con grande velocità e che al momento è inarrestabile”. I cittadini sono preoccupati e il sindaco Cristina Di Pietro ha chiesto aiuto, facendo appello affinché gli interventi siano effettuati con la massima urgenza e gli abitanti evacuati siano assistiti.  

Sulla frana a Ponzano di Civitella del Tronto ha risposto al Question Time alla Camera, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. Il ministro ha riferito, per quanto riguarda la situazione che sta vivendo la popolazione del paese, i dati forniti dalla Prefettura di Teramo: “La frana continua ad avanzare, sono stati effettuati circa 230 interventi tra recuperi e messe in sicurezza di impianti, con la presenza di una Unità di comando locale”. Poi Galletti ha ribadito che “il Consiglio dei ministri dello scorso 20 gennaio ha esteso gli effetti dello stato di emergenza dichiarato il 25 agosto 2016 anche agli eccezionali fenomeni meteorologici in Abruzzo“. E ha sottolineato che “per quanto di competenza il Ministero si impegna ad avviare da subito un dialogo con la Regione per individuare le risorse finanziarie e per comprendere tutti gli interventi necessari in uno specifico programma”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori