Cocaina per l’ospitalità/ Casa di due disabili diventa una raffineria di droga: “dicevano che ci avrebbe fatto bene”

- La Redazione

Cocaina in cambio di ospitalità: è successo a Genova, dove 4 persone producevano droga nella casa di 2 fratelli con problemi mentali offrendo loro la droga in cambio dell’ospitalità

Cocaina_439
Cocaina, foto web

Sono stati arrestati dalla polizia di Genova quattro pusher che usavano l’abitazione di due fratelli invalidi con problemi mentali per confezionare e spacciare hashish e cocaina. In cambio dell’ospitalità i quattro offrivano la loro droga ai due fratelli, uno autistico e l’altro schizofrenico, di 50 e 48 anni. Il laboratorio era stato allestito in un appartamento popolare sito in via Due Dicembre a Genova. Il fratello minore ha raccontato di non aver mai fatto uso di droga prima di allora: “Mi dicevano che mi avrebbe fatto bene”. I quattro arrestati per spaccio in concorso con l’aggravante della cessione e induzione a persone disabili sono due genovesi, un macedone e una donna di Sestri Ponente. Tutti hanno fra i 27 e i 30 anni. La ragazza faceva parte di una gang che rubava nelle discoteche mentre uno di loro ha dei precedenti per rapina. La polizia ha sequestrato loro 6 grammi di cocaina e 92 di hashish. Le autorità hanno anche segnalato all’Asl le condizioni igieniche precarie dell’abitazione, al fine di verificare se i due fratelli, che ora si trovano in ospedale, fossero seguiti dagli assistenti sociali in modo adeguato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori