NATO SENZA CERVELLO/ Per i medici doveva essere abortito, adesso ha compiuto 4 anni

- La Redazione

Era nato con la scatola cranica praticamente vuota priva del cervello, i medici avevano insistito perché venisse abortito, invece oggi il suo cervello è quasi del tutto ricresciuto

aborto-feto_R439
Foto dal web

La sua incredibile storia è stata raccontata nel corso di un documentario trasmesso dalla Bbc, “The boy who grew a new brain”, il ragazzo a cui è cresciuto un nuovo cervello. Già, perché quando ancora era nella pancia della madre Noah risultava con la scatola cranica  quasi del tutto vuota. Il padre Rob ha raccontato che i medici avevano consigliato alla coppia per ben cinque volte di abortire, ma loro volevano dare ugualmente una chance al figlio. Appena nato al bambino è stata suturata una ferita che aveva sulla schiena e gli è stato installato un meccanismo che potesse drenare il liquido che aveva nella cavità cranica. I genitori avevano già comprato una minuscola bara per il bambino, ma non hanno mai smesso di credere che Noah fosse comunque un dono per loro. Quattro anni dopo, il cervello del bambino è cresciuto raggiungendo quasi l’80% delle dimensioni normali e il bambino è in ottime condizioni. Come è stato possibile? E’ stato l’amore e  l’impegno di tutta la famiglia, che si è presa cura di lui 24 ore su 24, stimolando continuamente il cervello aiutandolo così a crescere. In medicina si chiama stimolazione cognitiva costante. E allora perché i medici volevano abortirlo a tutti i costi se questo tipo di cure possono funzionare?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori