SAN GERLANDO/ Santo del giorno, il 25 febbraio si celebra il patrono di Agrigento

- La Redazione

San Gerlando, è il santo che viene celebrato nella giornata di oggi, sabato 25 febbraio, dalla chiesa cattolica. E ‘ il patrono della città di Agrigento, la sua storia

croce_gesu_r439
Immagine presa dal web

San Gerlando nacque a Besançon e fu dapprima primicerio della Schola Cantorum di Mileto e successivamente venne nominato vescovo nel 1088 con consacrazione diretta del papa Urbano II a Roma. Pare sia stato un uomo molto erudito nelle sacre scritture e di grande carità; probabilmente era imparentato con il conte di Sicilia Ruggero I di Altavilla. San Gerlando si occupò di riorganizzare la diocesi di Agrigento dopo il dominio musulmano; l’occupazione saracena durata dall’829 al 1086 aveva di fatto ridotto il numero dei cristiani. Diresse i lavori, che fece terminare in appena sei anni, della Cattedrale dedicata alla Madonna e a San Giacomo e fortificò le mura del castello cittadino. Nel 1098 partecipò al convegno di Mazara, dove, durante gli incontri per stabilire gli accordi riguardanti la ripartizione delle decime, riuscì a convertire alla fede cristiana Chamud, signore arabo. Si narra che al ritorno da Roma, dopo l’incontro con Urbano II, abbia incontrato in un monastero Drogone e che gli abbia rivelato che sarebbe stato il suo successore, così come avvenne. Morì il 25 febbraio, giorno in cui viene celebrato dalla chiesa cristiana, del 1100. Le sue reliquie, dopo numerose traslazioni, sono ora custodite in un’arca d’argento all’interno della cattedrale. 

È patrono della città di Agrigento, dove viene celebrato con grande solennità due volte all’anno sia il giorno della ricorrenza liturgica, il 25 febbraio, sia il giorno della sua morte, il 16 giugno. I festeggiamenti liturgici di febbraio cominciano con la santa messa, durante la quale viene offerto l’olio che illuminerà la lampada posta davanti all’urna delle reliquie; queste ultime poi saranno portate in processione per le stradine della città. 

Agrigento è un comune siciliano di quasi 60 mila abitanti. La città venne fondata dai greci nel 580 a.C. e raggiunse il suo massimo splendore intorno al V secolo. Cadde dapprima sotto il dominio romani, poi arabo, e infine normanno. Agrigento è conosciuta come la Città dei Templi, per via dei numerosi templi di stile dorico presenti sul territorio; per i suoi tesori artistice e culturali di notevole valore è stata inserita tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. 

Il 25 febbraio inoltre si ricordano i seguenti santi e beati: San Romeo, carmelitano, San Tarasio, patriarca, Santa Valburga, badessa, Sant’Eustasio di Aosta, vescovo, San Vittorino, martire, San Cesario di Nazianzo, confessore, San Lorenzo Bai Xiaoman, martire, San Callisto Caravario, sacerdote salesiano, San Turibio Romo Gonzalez, sacerdote e martire, Sant’Adeltrude, badessa, Sant’Adelelmo di Engelberg, abate, San Luigi Veriglia, vescovo e martire, Beata Cecilia, Beato Didaco Yuki Ryosetsu, sacerdote, Beato Domenico Lentini, Sant’Isabella, vergine francescana, Beato Avertano di Lucca, Beata Maria Adeodata Pisani, Beato Roberto d’Arbissel, sacerdote, Beata Maria Ludovica De Angelis, missionaria

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori