MIHRI MUSFIK HANIM / Un doodle di Google dedicato al 131° anniversario della pittrice turca (oggi 26 febbraio 2017)

- La Redazione

Mihri Musfik Hanim: il doodle di Google dedicato al 131° anniversario della pittrice turca: il ricordo dei suoi incredibili contributi all’arte (oggi 26 febbraio 2017)

Google_motore_ricerca_bigG_internet_web
Google

Google ha deciso di ricordare con un doodle il 131° anniversario della nascita di Mihri Müsfik Hanim, prima artista femminile contemporanea turca conosciuta soprattutto per i suoi ritratti. Nata ad Istanbul  ha avuto un precoce interesse per la letteratura, la musica e la pittura considerando che il padre era un esperto di anatomia e un istruttore ben noto nella Scuola Militare di Medicina e sembra che questo abbia particolarmente influenzato la sua carriera artistica. Hanim ha preso lezioni private di pittura, e si è trasferita prima a Roma e poi a Parigi per immergersi nei circoli d’arte. Proprio nella capitale francese Hanim è stata introdotta dal ministro delle Finanze, Cevit Bey, che ha riconosciuto il talento della pittrice ed ha inviato una raccomandazione al Ministro dell’Istruzione per nominarla come insegnante d’arte presso la Scuola di Formazione Insegnanti di Istanbul per le ragazze nel 1913.

La prima donna pittrice di arte contemporanea, Mihran Hanim Müsfik, avrebbe compiuto oggi centotrentun’anni e Google ha deciso di dedicarle un doodle. Nel 1914 Hanim è stata famosa a Parigi per essere stata assunta come direttrice in un istituto di belle arti, e durante la sua carriera ha cominciato a dipingere ritratti di personaggi importanti, famoso il suo ritratto per  Papa Benedetto XV. Dopo il periodo in Francia è tornata in Turchia ed ha contribuito alla nascita di molte artiste donne visto che a causa della pittura ha abbandonato la vita aristocratica per dedicarsi alla sua passione. Ancora oggi si ricorda Hanim per i suoi incredibili contributi all’arte, proprio oggi che sarebbe stato il suo centotrentunesimo compleanno. La pittrice è nata ad Istanbul il 26 febbraio del 1886, ed è morta a New York dove si era trasferita proprio per le sue passioni artistiche nel 1954, ma è ricordata ancora oggi, soprattutto per i suoi ritratti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori