RISCHI IN GRAVIDANZA/ Alcol, fumo e droghe danneggiano il bambino? Anche stress da lavoro e cibo attivo, ecco come

- La Redazione

Rischi in gravidanza: alcol, fumo e droghe possono influire sullo sviluppo psichico del bambino. Stefano Vicari, neuropsichiatra del Bambin Gesù, chiarisce i dubbi.. (oggi, 27 febbraio 2017)

mama-2077517_640
Una scritta su una panchina

In gravidanza una donna deve stare più attenta allo stile di vita che conduce: una cosa che è nota da tempo, ma che è stata ribadita ancora una volta dal neuropsichiatra infantile Stefano Vicari, medico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Intervistato da Radio Cusano ha parlato dei nove mesi di gestazione, ricordando i problemi legati al consumo di fumo, alcol e droghe per lo sviluppo psicofisico del bambino: secondo quanto detto da Stefano Vicari, assumere comportamenti non corretti durante la gestazione, potrebbe comportare dei danni psichici al nascituro. Schizofrenia e autismo possono essere provocati dall’assunzione di alcol e droghe, mentre il consumo di alcol porterebbe a futuri problemi comportamentali. Assumere tabacco, alcol e droghe in gravidanza farebbe male non solo alla salute della donna e del feto, ma provocherebbe danni cerebrali al feto. Ovviamente questo è uno stile di vita che nuoce alla salute in generale, gravidanza o non, e sarebbe meglio evitarli.

, neuropsichiatra infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, ha parlato anche del bisogno di una corretta alimentazione durante i nove mesi di gestazione. Un problema, quello del corretto apporto nutritivo, che oggi diventa molto problematico visto che molte persone rientrano drammaticamente nella soglia di povertà a causa della crisi economica. “Bisogna garantire un’adeguata nutrizione e un corretto apporto alimentare”, sottolinea il dottore nell’intervista a Radio Cusano. “Sembra scontato dire una cosa del genere al giorno d’oggi, ma c’è una nuova povertà, per cui questo non è garantito a tutte le donne”. Al giorno d’oggi, inoltre, sono molte le donne che svolgono lavori molto duri e che addirittura lavorano fino a pochi giorni prima del parto. Come influisce questo sulla salute del bambino? “Non abbiamo studi scientifici sull’effetto che può avere uno stress prolungato. Ce l’ha sulla donna, che può dimagrire, ma sul bambino ancora non si sa”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori