Carabiniere suicida/ Siracusa, donna si spara e ferisce fidanzato: indagine in corso (oggi, 28 febbraio 2017)

- La Redazione

Carabiniere suicida, Siracusa: il compagno poliziotto ferito ad una gamba nel tentativo di disarmarla, ma spunta un’altra versione. Mistero sulle cause, ultime notizie di oggi 28 febbraio

carabinieri_terrorismo_attentati_isis_1
Immagini di repertorio (LaPresse)

Sono in corso le indagini sull’episodio del carabiniere suicida e sul ferimento del fidanzato poliziotto. Secondo quanto riportato da Il Mattino il procuratore di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, ha aperto un’inchiesta su quanto accaduto a Siracusa e ha delegato le indagini alla squadra mobile della Questura e al reparto operativo dei carabinieri del comando provinciale. Il magistrato ha poi disposto il sequestro della casa dove è avvenuta la tragedia del carabiniere suicida e delle armi in uso alla donna che si è uccisa e al poliziotto che è rimasto ferito. Sono stati poi inviati nell’abitazione i militari del Ris per effettuare i rilievi scientifici e gli accertamenti balistici. La Procura ha inoltre disposto l’autopsia sul corpo del carabiniere suicida e un sostituto procuratore si è recato nell’ospedale dove è ricoverato il poliziotto per interrogarlo e cercare di ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

Gravissimo episodio di cronaca a Siracusa: un carabiniere donna si è suicidata nella notte sparandosi un colpo di pistola alla testa e il compagno poliziotto sarebbe rimasto ferito invece nel tentativo di disarmare la donna presa dall’insano gesto del suicidio. Avviene tutto a Siracusa, Sicilia, quando la carabiniere originaria del Lazio per motivi ancora sconosciuti decide di togliersi la vita. Il fidanzato, un poliziotto pugliese 45enne, è rimasto ferito al ginocchio cercando di disarmarla. La Procura ha aperto un’inchiesta e disposto l’autopsia sul corpo della donna; il pm sta intanto ascoltando il fidanzato, ricoverato in ospedale.

Alcuni siti locali, come Siracusa Oggi, raccontano una versione leggermente diversa, con l’uomo che sarebbe rimasto ferito dopo gli spari della donna nei suoi confronti, e il suicidio sarebbe arrivato solo in seguito. Non sono chiari i motivi del gesto che sarebbe da ricondurre, secondo le prime indiscrezioni, a dinamiche familiari. L’uomo è ricoverato all’Umberto I, è stato operato ed almeno un proiettile estratto pare dalla coscia: orribile la scena che si è presentata agli occhi dei primi soccorritori. L’uomo era immobile sulla soglia della camera da letto, bloccato dal colpo ricevuto al ginocchio. La donna, invece, giaceva riversa sul letto in una pozza di sangue. Nel corso della giornata le forze dell’Ordine che stanno indagando sull’orribile fatto di cronaca potranno svelare nuovi elementi utili a capire come si siano svolti davvero i fatti nella abitazione della coppia di militari, apparentemente senza evidenti problemi di coppia come giurano i primi vicini interrogati questa mattina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori