DON ANDREA CONTIN/ News, picchiato da 7 persone nel 2008: era una spedizione punitiva? (oggi, 28 febbraio 2017)

- La Redazione

Don Andrea Contin: nel gennaio del 2008 l’ex parroco di San Lazzaro subì un’aggressione da 7 persone, ufficialmente si parlò di furto, e se si fosse trattato di una spedizione punitiva?

donandreacontin
Don Andrea Contin

Continua a far discutere il caso di don Andrea Contin, l’ex parroco di San Lazzaro che dal 2016 è al centro di uno scandalo sessuale di vaste proporzioni, dopo che una sua amante 49enne lo ha accusato di aver avuto più incontri con lei e altre donne nella canonica. Il programma di Rai Uno, Storie Vere, per cercare di chiarire i contorni di una vicenda nebulosa fin dall’inizio, ha cercato di indagare sul passato di don Andrea, scoprendo che in realtà il suo percorso religioso non è stato privo di scossoni e battute d’arresto. In giovane età, infatti, don Contin ha sì frequentato il seminario, ma ben presto ha deciso di lasciarlo per dedicarsi prima alla laurea in giurisprudenza e poi alla vita politica attiva. Proprio quando la sua carriera da avvocato stava per decollare, ecco il nuovo cambio di rotta: Andrea Contin decide di tornare in seminario e si fa prete. L’indagine che ha sconvolto la provincia padovana ha appurato che gli incontri di natura sessuale del don sono iniziati nel 2012 ma, secondo la ricostruzione fornita dal programma di Eleonora Daniele, c’è almeno un episodio che potrebbe lasciare intendere che qualcosa di poco chiaro sia avvenuto anche prima. Nel gennaio 2008 l’allora 39enne don Contin venne aggredito al ritorno da una festa parrocchiale da 7 persone, che gli lanciarono contro legna e bottiglie. Don Contin disse che stava per parcheggiare l’auto nel garage della parrocchia quando venne aggredito da 7 persone che, a suo dire, volevano mettere le mani sulle cassette delle offerte. Al tempo, dunque, si parlò di un tentativo furto: ma è quanto meno curioso che per rubare dalle cassette delle offerte si siano mobilitati in 7, com’è strano che nessuno sia fuggito e, anzi, tutti lo abbiano aggredito. Dopo l’assalto subito, Don Andrea invece di chiaramere i carabinieri bussò ai vicini, che lo descrissero “bianco come un cencio”, dopodiché per due giorni non uscì dalla canonica. Il dubbio, lecito alla luce di questi elementi, è il seguente: si trattò davvero di un furto o di una spedizione punitiva? Gli incontri sessuali di don Andrea erano già in corso nel 2008?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori