Diletta Leotta a Sanremo 2017 / Video e vestito: Maria De Filippi tuona, “come dire che minigonna giustifica uno stupro”

- La Redazione

Diletta Leotta & Caterina Balivo: Festival di Sanremo 2017, attacco della conduttrice alla giornalista hackerata “non puoi parlare di privacy con quel vestito lì”. Social, tweet e polemiche

Diletta_Leotta_2
Diletta Leotta

Non si placano le critiche nei confronti di Diletta Leotta. La giornalista di Sky Sport, che è stata ospite della prima serata del Festival di Sanremo, ha ottenuto molti consensi per la parole spese ieri sulla questione dell’hackeraggio delle sue foto, ma anche molte critiche. Se l’intervento di Caterina Balivo è ciò che maggiormente ha fatto discutere, anche Paola Ferrari torna a pungere la Leotta con nuove dichiarazioni. Già prima che Diletta scendesse dalle scale dell’Ariston, la conduttrice aveva poco apprezzato la scelta della Rai di ospitare proprio una giornalista di Sky viste i tanti talenti in questo campo che la stessa rete ha. Ora torna ad infiammare la polemica, appoggiando le dichiarazioni fatte proprio dalla Balivo nel tweet fatto ieri di cui, a Detto Fatto, si è scusata.

La padrona di casa al Festival di Sanremo 2017 entra a gamba tesissima sul caso Diletta Leotta e il suo vestito rosso ieri sera sul palco dell’Ariston: «Siamo nel 2017. Io mi vesto come voglio e parlo di ciò che voglio. La Balivo è intelligente e escludo che per lei per parlare di un argomento bisogna vestirsi in un certo modo. Forse ci sono dei motivi personali dietro il suo attacco».  Secondo Maria nazionale tutti i commenti e gli attacchi sia pro che contro la bella Diletta Leotta non possono essere minimamente giustificati, specie quelli che condannano come la Balivo (che qui sotto ha rilasciato la sua scusa ufficiale, ndr) l’ospitata della giornalista di Sky nella prima serata del Festival. «E’ come quelli che dicono che se una ha la minigonna allora è giusto che venga violentata. Siamo tornati indietro. Una persona scrive un tweet così, senza tenere presente che quel nero su bianco conta». Una Maria De Filippi chiarissima che in questo modo intende chiudere definitivamente la “polemica”.

Dopo l’attacco le scuse a Diletta Leotta. Caterina Balivo fa dietrofront su quanto scritto su Twitter ieri sera, il commento a caldo sul vestito scelto dalla giornalista di Sky per il Festival di Sanremo 2017. La conduttrice di Detto Fatto ha infatti definito il ‘caso chiuso’ e nel corso del programma in onda su Rai 2 ha affermato: “Ieri sera prima di andare a dormire ho postato un tweet infelice, che ha scatenato tantissime polemiche. Ho espresso un giudizio sull’atteggiamento, me ne dispiace: non sono nessuno per giudicare un atteggiamento di un’altra donna”. Poi Caterina Balivo ha aggiunto: “Qui a ‘Detto Fatto’ parliamo di donne le protagoniste siete voi da casa, abbiamo cercato in questi anni di valorizzarvi e mi dispiace vedere dei tweet ‘aggressivi’, però l’errore è stato mio. Se ho offeso qualcuno, mea culpa. L’intento era commentare un atteggiamento, sono molto dispiaciuta, ma per un motivo: perché se c’è una che qui in trasmissione cerca di ‘pompare’ le donne, sono io, che sono cresciuta con quattro femmine a casa. Mi dispiace tantissimo”. (clicca qui per leggere il tweet di scuse).

Diletta Leotta e Caterina Balivo, il caso impazza ancora su Twitter: dopo gli attacchi della conduttrice di “Detto Fatto” arriva la difesa sulla giornalista di Sky Sport del direttore di “Chi” Alfonso Signorini, che interpreta parte della fazione scattata sui social dopo la presenza della bella giornalista al Festival di Sanremo 2017. «Ma perché Diletta Leotta non può parlare della violenza con quel vestito? È da condannare uno spacco o la violenza? #chepalleilpopulismo». Una presa di posizione importante che prosegue nell’alveo di tanti personaggi famosi intervenuti su Twitter per commentare il caso della Prima Serata di Sanremo 2017. Resta la “tifoseria” scatenata pro e contro Diletta Leotta: da quel settembre 2016 e da qui caso virale per eccellenza che è stato l’hackeraggio delle foto nude di Diletta Leotta, sembra non essere passato davvero neanche un giorno…

Anche il giornalista Gabriele Parpiglia ha pubblicato ieri un tweet contro quanto emerso dall’ospitata di Diletta Leotta al Festival di Sanremo 2017. Parpiglia non ci è andato leggero, e nonostante il giornalista sia abituato a trattare con molto garbo situazioni personali delicate e a saper dare il giusto peso ad atteggiamenti “da diva”, che spesso non critica a testa bassa, ha dimostrato tra le righe una certa dose di livore che non è passata inosservata ai suoi follower. Sebbene nei contenuti il commento di Parpiglia su Diletta Leotta non si discosti molto da quello scritto da Caterina Balivo, nei successivi commenti il “segugio” di Mediaset e re del pettegolezzo della trasmissione sportiva Tiki Taka fa intravvedere uno scenario piuttosto misterioso sulla vicenda occorsa a Diletta Lotta e sulla sua storia personale. Su Twitter, infatti, Parpiglia ha scritto: #sanremo2017 #dilettaleotta parla di violenza subita ma nello stesso tempo: allarga la gonna, canta, ride e si veste come Jessica Rabbit”. Ma è proprio quando anche Parpiglia si deve difendere dalla levata di scudi a difesa della Leotta che arriva la frase sibillina. C’è chi ha scritto infatti: “@Parpiglia qui hai toppato come la Balivo”, ma il giornalista ha replicato: “punti di vista. Io conosco quello che c’è dietro e le storie delle persone. Molti, quasi tutti voi, no. Amen” (clicca qui per leggere tutto).

Una prima durissima critica alla performance di Diletta Leotta a Sanremo è arrivata su Twitter dalla collega e conduttrice di “Detto Fatto” Caterina Balivo per il vestito portato sul palco, che di certo non passava inosservato. «Non puoi parlare della violazione della #privacy con quel vestito e con la mano che cerca di allargare lo spacco della gonna», è il tweet dell’altrettanto bella conduttrice che scatena polemiche a non finire sul web; si riaffacciano le due fazioni che dopo tanti mesi dal caso delle foto hackerate di Diletta Leotta (qui sotto l’intera vicenda riassunta) tornano “protagonisti”. I pro-Diletta Leotta per la difesa contro i vari attacchi del web e della spigliatezza nel modo di vestire e di porsi della conduttrice sul palco dell’Ariston considerati sessisti e beceri e i pro-Balivo che vedono nel comportamento della Leotta una certa dose di incoerenza e che hanno accusato la Leotta di sfruttare l’occasione di parlare di tema così importante solo per accrescere la propria popolarità strizzando l’occhio comunque agli istinti maschili con un vestito (e un modo di portarlo) che evidentemente recava un messaggio molto diverso da quello per cui la conduttrice era stata invitata. Nonostante tutto, però, la maggior parte degli utenti di Twitter pare essere a favore di Diletta Leotta, o quanto meno sembra non gradire la polemica: c’è infatti anche chi ha insinuato: “Non è che la #Balivo l’ha fatto apposta per far parlare un po’ di lei e mettere pepe a un Sanremo noioso? #dilettaleotta #sanremo2017”.

Diletta Leotta al Festival di Sanremo 2017 ci è arrivata all’interno dello spazio “Tutti cantano Sanremo” e lo ha fatto per parlare della sua vicenda di cyberbullismo e attacchi sui social. Nei mesi scorsi la bellissima giornalista di Sky Sport è entrata nel ciclone del web attorno a metà settembre, quando delle sue foto e video hot sono stati hackerati e diffuse sui social. In un tempo rapidissimo, le fotografie private di Diletta Leotta, sono state rese pubbliche scatenando la morbosità della rete: otto scatti in cui la giornalista di Sky sorride all’obiettivo in intimo o senza vestiti. Condivisioni, retweet, scambi su WhatsApp e via email quotidiani in prima pagina su internet e via dicendo. Le foto hot della bellissima Diletta sono state per settimane sulla bocca di tutti, specie perché da poco era appena successo il caso orribile di Tiziana Cantone, la ragazza napoletana che dopo un caso simile (video hot diffusi online contro il suo volere) è arrivata a togliersi la vita per la troppa vergogna provocata. In un contesto del genere, il caso di Diletta Leotta aveva fatto indignare e non poco per la velocità e facilità di diffusione che avevano preso le sue foto: «Un fatto estremamente grave», ha scritto in una nota l’ufficio stampa della giornalista, che ha subito «una gravissima violazione della privacy e che è molto amareggiata ma nello stesso tempo indignata e pronta a gestire questa vicenda».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori