PAPA/ L’intervista: in Vaticano c’è corruzione ma io sono sereno

- La Redazione

Sul Corriere della sera l’anticipazione di una conversazione di papa Francesco con i superiori degli ordini religiosi che uscirà su Civiltà Cattolica, ecco di cosa si tratta

papa_bergoglio_R439
Immagine dal web

Il Corriere della sera di oggi pubblica in anteprima parte di un colloquio che il papa ha tenuto con i superiori degli ordini religiosi, e che sarà pubblicato sul numero 4000 della rivista Civiltà Cattolica. “È bene essere criticato, a me piace questo, sempre. La vita è fatta anche di incomprensioni e di tensioni. E quando sono critiche che fanno crescere, le accetto, rispondo” dice fra le altre cose. A proposito del prossimo sinodo sui giovani, dice: “La Chiesa deve accompagnare i giovani nel loro cammino verso la maturità, e solo con il discernimento e non con le astrazioni i giovani possono scoprire il loro progetto di vita e vivere una vita davvero aperta a Dio e al mondo. Dunque ho scelto questo tema per introdurre il discernimento con maggior forza nella vita della Chiesa”. Aggiunge che il discernimento è come la vita, dinamico. Quando era giovane, spiega, andava di moda fare riunioni, oggi cose statiche come le riunioni non vanno bene, “Si deve lavorare con i giovani facendo cose, lavorando, con le missioni popolari, il lavoro sociale, con l’andare ogni settimana a dar da mangiare ai senzatetto. I giovani trovano il Signore nell’azione. Poi, dopo l’azione si deve fare una riflessione. Ma la riflessione da sola non aiuta: sono idee… solo idee”. Il papa affronta il tema delle nuove congregazioni religiose che nascono ultimamente e si dice preoccupato: “Però ce ne sono altre che nascono non da un carisma dello Spirito Santo, ma da un carisma umano, da una persona carismatica che attira per le sue doti umane di fascinazione. Alcune sono, potrei dire, «restaurazioniste»: esse sembrano dare sicurezza e invece danno solo rigidità. Quando mi dicono che c’è una Congregazione che attira tante vocazioni, lo confesso, io mi preoccupo. Lo Spirito non funziona con la logica del successo umano: ha un altro modo”. Risponde poi a domande sulla sua esperienza di Papa: “C’è corruzione in Vaticano. Ma io sono in pace. Se c’è un problema, io scrivo un biglietto a san Giuseppe e lo metto sotto una statuetta che ho in camera mia. È la statua di san Giuseppe che dorme. E ormai lui dorme sotto un materasso di biglietti! Per questo io dormo bene: è una grazia di Dio. Dormo sempre sei ore. E prego. Prego a mio modo. Il breviario mi piace tanto e mai lo lascio. La Messa tutti i giorni. Il rosario”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori