TARA PALMER TOMKINSON E’ MORTA / Chi era la figlioccia del principe Carlo? La polizia: morte inspiegabile ma non sospetta

Tara Palmer Tomkinson è morta, aveva 45 anni: chi era la figlioccia del principe Carlo e regina delle feste a Londra. Ultime notizie oggi, 9 febbraio 2017

09.02.2017 - La Redazione
tara_palmer_lapresse
Tara Palmer-Tomkinson (Foto LaPresse)

Tara Palmer Tomkinson è morta a soli quarantacinque anni, la presentatrice televisiva inglese che soffriva da tempo a causa di un tumore al cervello diagnosticatole lo scorso anno. La Tomkinson è stata ritrovata senza vita nel suo appartamento di Londra, e proprio lo scorso anno aveva dichiarato di avere un male incurabile dopo alcune analisi del sangue sollecitate dal medico dopo alcuni svenimenti. Tara Palmer Tomkinson in passato aveva avuto anche una relazione con Robbie Williams e qualche anno fa aveva fatto parlare di sè a causa della sua eccessiva magrezza e per l’esagerato consumo di cocaina, infatti questo problema aveva pregiudicato la sua presenza al matrimonio reale tra il principe William e Kate Middleton. La polizia parla di un decesso ‘inspiegabile, ma non sospetto’, alcuni media britannici hanno parlato addirittura di suicidio viste le sue condizioni di salute ed il male che la affliggeva da oltre un anno.

È morta a 45 anni. E’ scomparsa a Londra nel suo appartamento a South Kensington, uno dei quartieri più eleganti della città. Era come ricorda il Corriere della Sera, la figlioccia del principe Carlo e regina delle feste nella Londra degli anni ‘90. A Tara Palmer-Tomkinson era stato diagnosticato nel 2016 un tumore al cervello benigno. E’ stata trovata morta dalla polizia che parla di un decesso “inspiegabile, ma non sospetto”. Non sarebbe infatti esclusa l’ipotesi di un suicidio. Dunque le cause della morte di Tara Palmer-Tomkinson sarebbero ancora incerte. Dopo che le era stato diagnosticato il tumore la regina delle feste e rampolla dell’alta società era scomparsa dalla scena pubblica. Dopo la sua morte l’erede al trono britannico Carlo e sua moglie Camilla hanno diffuso un messaggio in cui si sono detti “profondamente rattristati” per la morte della figlioccia Tara Palmer-Tomkinson.

Era conosciuta per la sua vita mondana e per il suo stile eccentrico Tara Palmer-Tomkinson, figlia del filantropo ed ex olimpionico dello sci Charles Anthony Palmer-Tomkinson. Il successo per Tara Palmer-Tomkinson, come ricorda il Corriere della Sera, arrivò fin dai primi anni ‘90. In quegli anni infatti la figlioccia del principe Carlo spopolava fra un party e l’altro e di conseguenza sui tabloid. Scriveva anche di gossip e bon ton sul Sunday Times e su altre testate, anche se, secondo le malelingue, firmava in realtà articoli scritti a suo nome dall’autrice di best seller Wendy Holden. Nel 2007 Tara Palmer-Tomkinson scrisse un libro insieme con Sharon Marshall dal titolo The Naughty Girl’s Guide to Life (La guida alla vita di una cattiva ragazza). All’inizio degli anni 2000 l’ex regina delle feste era riuscita a tornare sulla breccia come star di reality ed era stata anche ospite di varie trasmissioni televisive.

Nel corso della sua vita Tara Palmer-Tomkinson aveva ammesso anche di aver avuto problemi di droga. I problemi con la droga sfociarono nel 2006, ricorda ancora il Corriere della Sera, in un collasso del setto nasale causato dall’abuso smodato di cocaina. In quell’occasione la vicenda che ha visto protagonista Tara Palmer-Tomkinson finì su tutti i giornali accompagnata da fotografie ‘horror’ della donna in primo piano, prima che si sottoponesse a un intervento estetico ricostruttivo costato 6000 sterline. Nonostante le disavventure legate alla droga Tara Palmer-Tomkinson riuscì in quegli anni a reinventarsi come star dei reality show e come ospite fissa di popolari trasmissioni tv inglesi. Inoltre Tara Palmer- Tomkinson ha mantenuto i legami con la casa reale britannica: in particolare ha continuato ad avere accesso a corte in occasione anche del matrimonio di William e Kate, nozze nelle quali figurava tra gli invitati d’onore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori