OMICIDIO BRUNO CACCIA / ’Ndrangheta, il giovane pentito: “procuratore ucciso perché incorruttibile”

- La Redazione

Omicidio Bruno Caccia, magistrato ucciso dalla ‘ndrangheta, ultime notizie di oggi 13 marzo 2017. Il giovane pentito Domenica Agresta, “ucciso perchè era incorruttibile”. Le dichirazioni

schirriparocco
Rocco Schirripa

Sull’omicidio Caccia arriva la svolta: «Ho deciso di collaborare a ottobre, 5 mesi fa, grazie agli strumenti che ho acquisito a scuola, dall’educatrice, strumenti che mi hanno portato a amare l’arte, la letteratura. Ho iniziato a fidarmi della giustizia, grazie a quegli educatori, agli psicologi e ai magistrati e al loro lavoro», racconta Domenico Agresta davanti ai procuratori di Torino. Ha deciso di diventare un pentito proprio dopo le esperienze maturate in carcere, per una volta formative: soprannominato per la sua stazza “Micu McDonald” è in carcere dal 2008 per aver ucciso il piastrellista 23enne Giuseppe Trapasso e condannato a 30 anni in via definitiva. «Mio zio aveva capito che mi stavo facendo un’altra mentalità rispetto a quella di mio padre e della malavita. Per me questo percorso era vita, non volevo tralasciarlo. Mio zio ha iniziato a minacciarmi e averlo sempre in carcere con me era pesante, finché ho chiesto aiuto e ce l’ho fatta», riporta lo speciale del Corriere della Sera oggi. Quanto ha ricostruito sul caso Bruno Caccia sarà fondamentale per provare a dare un tratto in più di verità all’inchiesta sulla morte del procuratore torinese nel 1983; rispondendo alle domande del pm della Dda di Milano Marcello Tatangelo, davanti alla Corte d’Assise, Agresta ha confermato che ad ammazzare Caccia furono Rocco Schirripa (imputato) e Francesco D’Onofrio, ex militante di Prima Linea, ritenuto vicino alla ‘ndrangheta e da poco indagato anche lui come esecutore dell’omicidio. Il giovane pentito ha raccontato come il cognato di Belfiore (Placido Barresi) gli raccontò in carcere il motivo per cui Caccia è stato freddato: «erano entrati nel suo ufficio senza appuntamento per convincerlo ad aggiustare processi e indagini, ma lui gli urlò addosso e gli sbatté la porta in faccia e loro lo uccisero proprio per la rabbia di essere stati cacciati così, lo uccisero perché era inavvicinabile e incorruttibile». 

Il procuratore di Torino Bruno Caccia venne freddato sotto casa sua nel 1983 da esecutori materiali dei mandati boss della ’ndrangheta. Dopo una immediata falsa rivendicazione delle Brigate Rosse – erano pur sempre gli anni di piombo ed erano stati i primi sospettati per l’esecuzione del magistrato – l’imbeccata giusta arrivò da un mafioso in galera, Francesco Miano, boss della cosca catanese che si era insediata a Torino. Grazie all’intermediazione dei servizi segreti, Miano decise di collaborare per risolvere il caso e raccolse le confidenze del ‘ndranghetista Domenico Belfiore, uno dei capi della ‘ndrangheta a Torino e anch’egli in galera. Belfiore ammise che era stata la ‘ndrangheta ad uccidere Bruno Caccia e il motivo principale fu che “con il procuratore Caccia non ci si poteva parlare”, come disse lo stesso Belfiore. Oggi la svolta, con le dichiarazioni e la decisione di collaborare con i magistrati da parte di Domenico Agresta, giovane nipote 28enne del boss della ‘ndrangheta torinese e omonimo Domenico Agresta. Il processo lunghissimo ha portato nel 22 dicembre 2015, la Direzione distrettuale antimafia (DDA) di Milano ad arrestare il presunto autore materiale dell’assassinio di Bruno Caccia: si tratta di Rocco Schirripa, panettiere torinese di 62 anni di origini calabresi. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori