LORETTA GISOTTI/ Varese, uccisa a martellate: richiesti 16 anni per il marito (ultime notizie 15 marzo 2017)

- La Redazione

Loretta Gisotti, ultime notizie: il pm di Varese ha richiesto una pena di 16 anni di reclusione per Roberto Scapolo, il marito della vittima e reo confesso (15 marzo 2017)

polizia_camionetta_29062016
Immagini di repertorio (LaPresse)

Richiesti 16 anni di reclusione per Roberto Scapolo, accusato di aver ucciso la moglie Loretta Gisotti nel luglio scorso. L’uomo, di 47 anni e originarrio del varesotto, ha potuto accedere al rito abbreviato ed ottenere uno sconto di un terzo della pena, che rimane comunque lieve rispetto al reato di omicidio aggravato dal vincolo di parentela che gli è stato imputato. Un omicidio brutale, compiuto a colpi di martello, ma frutto di un rrapttus che lo portò ad accanirsi sul corpo di Loretta Gisotti. Un gesto inspiegabile, a detta di molti, dato che la donna non era soggetta a maltrattamenti all’interno della relazione matrimoniale, non aveva mai subito gesti violenti da parte del marito. La storia è emersa in aula di tribunale, in cui si sono puntati i riflettori su un marito diventato improvvisamente canefice, forse vittima a sua volta delle pressioni sociali che avevano gettato la famiglia in difficoltà economiche. Lo stesso Scapolo, durante il suo primo interrogatorio, aveva rivelato agli inquirenti di “aver perso il controllo”. Quella mattina, in base alle ricostruzioni riportate da Il Giorno, la coppia stava per partire per le vacanze, che intendevano trascorrere nella casa in Toscana. Loretta Gisotti avrebbe quindi rivolto un rimprovero al marito, che a quel punto ha afferrato il martello che si trovava all’interno della cassetta degli attrezzi. Quest’ultima era a portata di mano, perchè Roberto Scapolo la stava caricando nel vano dell’auto. Si è gettato quindi contro la mogliee e l’ha colpita tre volte sulla testa, prima di tentare di strozzarla. Il marito della vittima si sarebbe inoltre presentato alla caserma dei Carabinieri subito dopo il delitto, per confessare la propria responsabilità. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori