ELISABETTA E MARIA BELMONTE/ Prosciolto Salvatore Di Maiolo: era accusato con il suocero del doppio decesso

- La Redazione

Elisabetta e Maria Belmonte, prosciolto Salvatore Di Maiolo: era accusato con il suocero del doppio decesso. Le ultime notizie di oggi sulla misteriosa morte delle due donne campane

aula_tribunale_giustizia_lapresse
(LaPresse)

Salvatore Di Maiolo è stato prosciolto: si chiude così la vicenda relativa al doppio decesso di Elisabetta e Maria Belmonte. I corpi di madre e figlia furono ritrovati senza vita dalla Polizia di Stato il 13 novembre 2012 in un’intercapedine di una villetta di Baia Verde, a Castel Volturno, in provincia di Caserta. Fu accusato della loro morte Domenico Belmonte, ex direttore sanitario del carcere di Poggioreale, nonché marito e padre delle due donne. Unico imputato nell’udienza preliminare era però rimasto l’ex marito di Maria Belmonte ed ex genero del medico, deceduto il 25 gennaio scorso all’età di 77 anni. Salvatore Di Maiolo, accusato di concorso in omicidio e occultamento di cadaveri, è stato prosciolto dal gip Emilio Minio perché il fatto non sussiste. Il sostituto procuratore Gerardina Cozzolino aveva chiesto il rinvio a giudizio. I resti di Elisabetta e Maria Belmonte furono ritrovate nel 2012 nella villa in cui viveva il medico, ma le tracce delle due donne si erano perse nel luglio del 2004. L’ex direttore sanitario non ne aveva mai denunciato la scomparsa perché riteneva – come spiegato quando finì in carcere – che si fossero allontanate volontariamente. Per questo negò ogni addebito e spiegò di non sapere di chi fossero quelle ossa, né per quale motivo fossero nascoste in un’intercapedine della sua abitazione. Domenico Belmonte fu scarcerato 23 giorni dopo perché il Tribunale del Riesame di Napoli evidenziò una «assoluta incertezza» sulle cause del decesso della moglie Elisabetta e della figlia Maria.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori