AMORE TRA FRATELLI/ La foto: 3 anni, consola il più piccolo malato di cancro terminale

- La Redazione

La foto del fratello maggiore che consola il minore malato di cancro terminale postata dalla mamma su Instagram rivela l’amore fraterno che lega le famiglie ecco di cosa si tratta

neonato-cancro_R439
Foto da Instagram

I rapporti tra fratelli non sempre sono dei più facili: invidie, gelosie, litigi frequenti. Ma è certo che la figura del fratello maggiore svolge sempre o quasi un ruolo quasi paterno, anzi a volte ancor più significativo, un “fratellone” sul quale fare affidamento nelle difficoltà della vita con la certezza di non venire mai abbandonati. Quando però l’età dei protagonisti di questo commovente episodio è così bassa (tre anni il fratello maggiore, qualche mese il minore) si rimane davvero senza parole dal legame che ci può essere, un legame che va al di là del livello di coscienza, ma che è insito nella natura del cuore sin dalla nascita. L’episodio  è stato condiviso su Instagram da una mamma australiana, Sheryl Blanksby, il cui figlio di quattro mesi è malato sin dalla nascita di un tumore che non si riesce a guarire. I medici possono solo cercare di farlo vivere per il tempo che potrà vivere nelle condizioni fisiche migliori. Un pomeriggio, mentre era occupata con le faccende di casa, aveva lasciato nella stanza dei due fratellini il microfono aperto che si usa per sentire se un bambino piange o combina qualche guaio. Ha sentito la voce del fratello più grande e si è avvicinata ala porta. Dentro il maggiore era disteso sul divano accanto al minore e gli accarezzava teneramente le guance mentre diceva: “Il tuo fratello più grande è qui, va tutto bene”. Commossa, ha scattato una foto dei due postandola sul social network dove ha commosso migliaia di utenti. Non è la prima volta che i genitori fotografano il fratello maggiore mentre si prende cura del fratellino. “Spesso ci facciamo prendere dai nostri piccoli problemi lamentandoci per cose che non contano” ha commentato la mamma. “Ci dimentichiamo di essere riconoscenti delle cose e della vita che abbiamo. Dobbiamo vivere con uno scopo: la gratitudine e la grandezza dell’amore”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori