Auguri festa del papà oggi 19 marzo 2017/ Immagini, frasi, sms: canzoni e lavoretti da dedicare al vostro papà

- La Redazione

Auguri Festa del Papà, oggi 19 marzo 2017, dediche e sms, immagini, frasi: dagli Usa a Hong Kong, quando si festeggia nel mondo? Ecco i regali per la Festa di San Giuseppe.

arte_rembrandt_figliolprodigoR439
Auguri Festa del Papà 2017

Oggi si festeggia la Festa del Papà 2017, una figura spesso utilizzata come destinatario di una canzone o di una poesia: la storia della musica è ricca di esempi in tale genere, spesso anche gridi disperati contro chi viene visto come fonte del male, fonte dell’abbandono o semplicemente come un “ente” troppo diverso da sè. Ebbene, in Italia e più precisamente a Milano, abbiamo un esempio in totale controtendenza come la storia di Paolo ed Enzo, un figlio e un padre che hanno scritto, suonato, si sono divertiti insieme e ora che Enzo non c’è più il figlio Paolo lo “porta” in giro per l’Italia con concerti, libri e dediche personali per ricordare a tutti chi era il mitico e umile Enzo Jannacci. Già, proprio il bizzarro e menestrello milanese scomparso qualche anno fa e che in tutti questi anni viene ricordato dall’opera viva e allegra del figlio Paolo, genio musicalmente e poliedrico direttore d’orchestra 3.0 a partire da un semplice pianoforte. Pensando ad una dedica commovente e viva nel giorno della Festa del Papà viene alla mente proprio l’operare di memoria tenuta in piedi dal figlio di Jannacci, coadiuvato dal grande affetto che Enzino ha lasciato nel pubblico milanese ed italiano. «Le canzoni di mio padre piacciono ancora perchè non sono classificabili e sono senza tempo. Sono storie, più o meno interessanti, più o meno importanti, che fanno riflettere o divertire ma che conquistano sempre la tua attenzione», raccontò anni fa Paolino in una intervista proprio sul valore del padre. «Innamorato della musica merito di papà Enzo? Credo di sì, ero un bambino esagitato ma timido e restio ad esprimermi. La voce di papà, la sua enorme energia e la sua musica mi hanno aiutato molto». In un periodo di forte crisi anche sociale la positività non “banale” o “stupida” di Enzo Jannacci manca come il pane; il figlio Paolo lo ricorda così, «la vita è una cosa meravigliosa, e deve essere vissuta cercando di migliorarsi come mi ha educato mio padre». Certo una lettera come quella che Paolino ha scritto ad Enzo dopo la sua morte è qualcosa che ogni genitore vorrebbe “sentirsi” dedicato da lassù e può rappresentare un messaggio di riflessione per qualsivoglia rapporto padre e figlio che domani nella grande festa di San Giuseppe si celebrerà. «Adesso non so come fare a trovarti. Ti sei nascosto e non riesco a trovarti – recitano le parole di Paolo -. Pare sia una cosa normale, un giorno, salutare i propri genitori… Ma ‘normale’ è solo per i libri di storia e non per gli esseri che respirano detti ‘viventi’. E quello che mi raccontavi in segreto, con le tue parole, con gli sguardi e con le tue note, non fa più vibrare la casa di energia (…) Spero infine che quelli che ti vogliono bene, alzino il volume e la tua splendida voce possa riempire le loro case di gioia, amore e di grandi emozioni».

Festa del Papà, in Italia e nel mondo: ecco come cambia la celebrazione negli altri paesi – Il 19 marzo cade una duplice festa: oltre ad essere celebrato San Giuseppe e tutti coloro che portano tale nome, è anche il giorno dedicato alla figura del papà. In Italia e in tutti i paesi legati alla tradizione religiosa cattolica, la figura del papà è infatti associata a Giuseppe, padre putativo di Gesù, marito e uomo d’eccellenza. Va tuttavia chiarito che tale festività, che è celebrata un po’ in tutto il mondo, non cade nel medesimo giorno e non affonda le sue radici nella stessa tradizione. In America, ad esempio, la festa del papà ricade la terza domenica di maggio e prende il nome di “Father’s day” ovvero giornata del papà. In Danimarca la Festa del papà si celebra il 5 giugno in quanto associata alla Giornata della Costituzione. In Germania coincide invece con la Giornata degli Uomini, la cui data è un giovedì che varia tra il 30 aprile e il 3 giugno. A Hong Kong la Festa del papà viene celebrata la terza domenica di giugno, così come accade anche in India e in Irlanda. In Iran invece cade il 13 di Rajab, che è il compleanno del primo Imam dell’Islam, Ali; ancora in Giappone e Malesia la terza domenica di giugno, nelle Seychelles il 16esimo giorno di giugno che non è un giorno festivo, in Nuova Zelanda la prima domenica di settembre e non è un giorno festivo. In Thailandia invece è collegata al compleanno del re e cambia quindi data di volta in volta. Date diverse, radici differenti per un unico, comune significato.

La festa del papà è uno dei momenti preferiti dai bambini, che durante quest’occasione si sbizzarriscono con lavoretti, poesie e canzoncine. Non poteva che rispondere al coro, è il caso di dirlo, lo Zecchino d’Oro e l’Antoniano, che hanno già lanciato la loro campagna #PapàZecchino. Una playlist con le migliori canzoni cantate dai bambini del Coro nelle passate festività, tutte dedicate al genitore. Titoli come Un topolino, un gatto e… un grande papà, che si trova all’interno del Volume 9 della collana del 2013. Oppure come l’intervento dell’anno scorso del Piccolo Coro Mariele Ventre, che ha inondato con musiche e canzoncine lo studio televisivo. L’evento verrà trasmesso anche quest’anno su Rai YoYo, a partire dalle 18:00 di domani 19 marzo 2017. Clicca qui per vedere la playlist dello Zecchino d’Oro per la Festa del Papà.

Volete davvero stupirlo il vostro papàVolete fare degli auguri per la sua festa che si ricorderà per sempre? E allora fatevi ispirare dal senso profondo di questa festa: il 19 marzo è la festa di ogni padre perché è San Giuseppe, il padre di Gesù per i cristiani e il falegname per antonomasia nella simbologia storica. Ebbene, perché allora non dedicare e ragliare al vostro “vecchio” un bel lavoretto fatto a mano e costruito con il legno? Sarebbe un qualcosa di assolutamente un-conventional ma che potrebbe regalare al papà quel sorriso che la fatica del lavoro e il logorio della vita moderna genera in lui. Non ci sono età ovviamente, e più si cresce più si può puntare in alto con la preparazione (chiaramente se possedete una minima capacità pratica, non diciamo come Giovanni Mucciaccia e il suo Art Attack ma almeno un martello lo dovreste maneggiare). E allora via con vasetti per il bricolage, astucci per casa, cassetta degli attrezzi o dei più classici porta cd in legno e cornici sempre in…legno, bravi ci siete arrivati. Il vostro “Giuseppe” non potrà non essere felice, anche per il significato profondo rilanciato in questa Festa del Papà 3.0.

Si celebra domani la Festa del Papà 2017 e tutti i figli e le figlie sono pronti a fare gli auguri al proprio padre con un messaggio e magari un regalo realizzato a mano. Nel nostro paese, come ricorda l’agenzia di stampa Adnkronos, e in altri Stati di tradizione cattolica, la Festa del Papà è festeggiata il giorno di San Giuseppe. Il padre putativo di Gesù è infatti considerato come papà e marito devoto per eccellenza e secondo la tradizione popolare protegge gli orfani, le giovani nubili e i poveri: proprio per questo in Sicilia c’è l’usanza di invitare a pranzo i mendicanti. L’usanza è conosciuta come ‘Tavola di San Giuseppe’. Per la Festa del Papà la tradizione è anche quella di mangiare dolci tipici che variano però da regione a regione: si tratta per lo più di dolci a base di creme o marmellate, con un impasto simile a quelle dei bignè o dei krapfen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori