EDUCAZIONE SESSUALE A 4 ANNI/ “Sarà obbligatoria”, l’annuncio del ministro dell’Istruzione apre le polemiche

- La Redazione

L’educazione sessuale sarà obbligatoria per i bambini dai 4 anni in su: è questa la decisione del ministro inglese della Pubblica Istruzione Justine Greening

scuola_classe_terremotoR439
Foto dal web
Pubblicità

I bambini inglesi dovranno frequentare le lezioni di educazione sessuale già a 4 anni: la materia è infatti diventata obbligatoria in tutte le scuole del Regno Unito sin dalla più tenera età. Ad annunciarlo è stata Justine Greening, ministro della Pubblica Istruzione: “A tutti i bambini, dall’età di quattro anni verrà insegnato il significato del sesso e quello di una relazione sana e sicura”. I genitori potranno però ritirare i figli da queste lezioni. L’educazione sessuale era obbligatoria già prima nelle scuole gestite dalle amministrazioni locali ma non in quelle private. Le lezioni verranno studiate in base all’età: alle elementari verranno spiegati solo i principi più basilari mentre nelle scuole secondarie si entrerà nel merito spiegando per esempio come proteggersi dalle malattie trasmesse sessualmente e dalle minacce del Web. Il contenuto delle lezioni verrà discusso dal governo e sarà aperta una consultazione pubblica sull’argomento. Le lezioni, secondo quanto suggerito da un portavoce della Pubblica istruzione, potrebbero incominciare da settembre 2019. La notizia ha suscitato diverse reazioni. Il segretario del sindacato degli insegnanti Naht, Russel Hobby, ha accolto la novità con entusiasmo: “Era ora che ai ragazzi venissero insegnati i mezzi per proteggersi dalle sfide che affrontano quotidianamente”. Critica invece Antonia Tully, direttrice di Safe at School: “I genitori non avranno alcun potere di proteggere i figli dall’esposizione a immagini sessuali, e sappiamo bene che le scuole elementari ne sono già piene. Senza contare che lo Stato non può salvaguardare i bambini nello stesso modo in cui fanno i genitori, né può sostituirsi alla famiglia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori