PADRE UCCISE VIOLENTATORE DELLA FIGLIA / La Spezia, dopo oltre 40 anni si cerca il cadavere

- La Redazione

Padre uccise violentatore della figlia, ultime news: dopo oltre 40 anni si cerca di far luce sul giallo di La Spezia. La presunta vittima, oggi 50enne, lo ha appreso dalla madre.

polizia-macchina_R439
Immagini di repertorio
Pubblicità

Una storia di abusi venuta alla luce solo dopo oltre 40 anni. Parte da qui il caso di una donna, oggi 50enne, la quale avrebbe confidato ad una assistente sociale del comune di La Spezia una confessione shock fattale dalla madre in punto di morte. All’età di tre anni, la donna fu vittima di violenza da parte di un uomo, il quale sarebbe poi stato ucciso e sepolto dal padre. L’episodio risale alla fine degli anni ’60 a Campiglia, in provincia di La Spezia. Dopo aver appreso la confidenza della donna, l’assistente sociale avrebbe allertato le Forze dell’ordine che a loro volta avrebbero dato il via alle indagini. A darne notizia è l’agenzia di stampa Ansa, che rivela come nella giornata di ieri siano state effettuate le prime ricerche dei resti del presunto violentatore ucciso oltre 40 anni fa, il cui esito avrebbe dato risultati negativi. Pochi gli elementi utili in mano agli agenti, i quali conoscerebbero solo il soprannome del presunto violentatore grazie alle testimonianze della donna. All’epoca dei fatti, l’uomo avrebbe avuto 50 anni, ma ad oggi non ci sarebbe alcun riscontro della sua morte né della sua scomparsa. Le ricerche si sono concentrate soprattutto nella zona limitrofa all’abitazione nella quale oltre 40 anni fa viveva la famiglia della presunta vittima di violenza. A compiere sondaggi e scavi sono stati gli agenti municipali ed alcuni operai comunali. Intanto agli inquirenti è stato affidato un frammento osseo presumibilmente appartenente al presunto violentatore. A consegnarlo sarebbe stata la stessa 50enne lo scorso martedì sera. Stando alle indiscrezioni, il reperto osseo lo avrebbe consegnato la madre alla figlia, quando in punto di morte rivelò la terribile vicenda. L’osso in questione è ora al vaglio della Scientifica e nei prossimi giorni saranno resi noti i risultati che potrebbero permettere di fare luce sul misterioso caso di violenza culminato in omicidio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori