15ENNE VIOLENTATA DAL BRANCO/ Gli 11 stupratori sono liberi: ecco perchè

- La Redazione

15enne violentata dal branco: Pimonte, gli 11 stupratori liberi. Seguiranno percorso di riabilitazione: se qualcuno dovesse violare gli obblighi, si andrà subito a processo

violenzasulledonne
Immagini di repertorio

Una 15enne di Pimonte è stata vittima un anno fa di violenza sessuale, ma gli undici minorenni che hanno preso parte alla violenza di gruppo tornano liberi. Gli stupratori seguiranno per un anno e mezzo un programma speciale di riabilitazione: lo ha deciso il tribunale dei Minori di Napoli, che si è pronunciato stamattina. Sono state, quindi, accolte le richieste dei difensori dei giovani imputati, residenti tra Pimonte, Gragnano e Vico Equense. Apparsi pentiti e dispiaciuti per l’episodio, i minorenni – che hanno trascorso nove mesi in una comunità di recupero – andranno a scuola o a lavoro, poi faranno attività di volontariato, sport e seguiranno un percorso di recupero psicologico. All’udienza ha assistito anche la madre della vittima, ma non quest’ultima, che non era presente in aula. I ragazzi termineranno la loro messa in prova l’8 ottobre 2018, poi torneranno davanti al giudice per valutare l’esito del loro percorso. In caso di violazione degli obblighi da parte di qualcuno di loro, si procederà all’interruzione della riabilitazione e si andrà subito a processo. Chi non ha ancora compreso la gravità dell’accaduto, dovrà anche seguire un percorso psicologico. L’orrore della violenza di gruppo fu ricostruita dai carabinieri della compagnia di Castellamare di Stabia e della stazione di Pimonte, che scoprirono video e chat sui cellulari dei ragazzini. I giovani, infatti, dopo aver violentato la ragazzina un anno fa, minacciarono di diffondere i filmati hard. La minorenne denunciò di essere stata costretta ad avere rapporti sessuali anche con gli amici del fidanzato sotto il ricatto della pubblicazione sui social di un video riguardante un loro precedente rapporto. La minaccia è stata reiterata in altre occasioni, visto che il gruppo riprese anche i successivi rapporti con gli altri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori