Nomine Vescovi/ Diocesi Milano e Roma, i colloqui di Papa Francesco per scegliere i nuovi Cardinali

- La Redazione

Nomine Diocesi Roma, Milano, Cei: Papa Francesco, colloqui faccia a faccia per scegliere i nuovi vertici. Tutti i nomi dei ‘papabili’ (oggi, 24 marzo 2017)

papa_francesco_zoom1_udienza_lapresse
La sorella di Papa Francesco racconta il "suo" Bergoglio (LaPresse)

Si avvicina il momento delle nomine all’interno della Chiesa: si tratta dei vertici della Diocesi di Roma, di quella di Milano e della Cei, la Conferenza Episcopale Italiana, l’assemblea permanente dei vescovi. Per la scelta dei nomi che dovranno ricoprire questi ruoli la strategia di Papa Francesco, come spiega Paolo Rodari su La Repubblica, sembra essere quella di non accettare autocandidature né consultazioni ma di preferire colloqui faccia a faccia. Poi la decisione del Pontefice sarebbe presa in solitudine, senza prima avvisare nessuno, nemmeno il diretto interessato. Papa Francesco ascolta tutti, uno per volta, ma la sua decisione non è comunicata fino all’ultimo e quindi i nomi dei nuovi vertici delle Diocesi di Roma, di Milano e della Cei, sono incerti. Dovrebbe essere quella della Diocesi di Roma la prima nomina di Papa Francesco: entro il prossimo 12 aprile tutti, anche i laici, potranno scrivere al Vicariato e indicare un nome o un profilo di vescovo vicario ideale. Nelle ultime settimane sono circolati sui media vari nomi di ‘papabili’, dagli ausiliari Gianrico Ruzza e Angelo De Donatis ai curiali Rino Fisichella e Angelo Maria Becciu, ma fino all’ultimo momento non si sa quale sarà la decisione che il Pontefice prenderà.

Il nuovo presidente della Cei sarà nominato a fine maggio. I cardinali eleggeranno una terna di nomi a maggio. I vescovi si riuniranno a Roma e voteranno: chi otterrà più voti diventerà un candidato al vertice della Conferenza Episcopale Italiana. Sarà necessario ottenere la maggioranza assoluta ma se dopo tre votazioni nessuno l’avrà raggiunta, sarà sufficiente quella relativa. I tre nomi che usciranno dalla votazione finale saranno consegnati a Papa Francesco che sceglierà poi in autonomia il momento in cui annunciare la sua decisione: la scelta dovrebbe assecondare i nomi usciti dall’assemblea dei vescovi anche se questo non è automatico. Sono vari anche per la Cei i nomi che circolano in questi giorni sul prossimo presidente: tra i ‘papabili ci sono l’ arcivescovo di Modena, Erio Castellucci, l’ arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori e l’arcivescovo di Agrigento, Francesco Montenegro. Alcuni parlano indicano anche “in pole position” l’arcivescovo di Perugia, Gualtiero Bassetti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori