RAPINA IN BANCA A NAPOLI / Video-choc Marano: assalto al Credem con armi in strada e il metodo della “spaccata

- Niccolò Magnani

Rapina in Banca a Marano di Napoli, video choc, assalto al Credem con fucili in strada e con il metodo della “spaccata”. Ultime notizie, bottino e auto rubata, le immagini incredibili

polizia_terrorismo_italia_allarme_bomba_lapresse_2017
Cinisello Balsamo, assalta passanti con coltello (LaPresse)

Paura in strada a Marano di Napoli ieri pomeriggio quando quattro malviventi hanno tentato e messo a segno una rapina in banca con metodi “perfetti”: bottino guadagnato, nessun colpo sparato ma molta paura per i tanti testimoni che hanno assistito all’assalto avvenuto in orario di chiusura dell’Istituto di Credito Emiliano (Credem). Le immagini video che sono state raccolte dal canale YouTube di Teleclubitalia sono davvero choc e colpisce soprattutto l’assoluta tranquillità dei due rapinatori, in mezzo alla strada, cn fucili spianati senza che nessuno potesse avvicinarsi o mezzo delle forze dell’ordine intervenuto nei circa 10-15 minuti in cui si è svolta la scena. Avviene tutto attorno a mezzogiorno: quattro rapinatori, armi in pugno, riescono ad entrare con un metodo purtroppo ormai sempre più utilizzato: l’espediente della “spaccata” viene infatti spesso usato nelle rapine in Campania, e consiste nello scagliarsi con un’auto contro una delle vetrine del negozio che si vuole rapinare. In poco tempo così sono riusciti ad entrare dopo che loro Fiat Uno si è scagliata con rincorsa contro la vetrina centrale: fucili spianati due in strada hanno coperto l’azione dei rapinatori che sono riusciti a trovare il bottino e rubarlo in pochissimo tempo. A quel punto sono poi risaliti su due moto e sono volati via, nel terrore dei passanti (alcuni con cellulare in mano per riprendere la scena) senza che ripetiamo nessuno fosse intervenuto delle forze dell’ordine. L’auto è risultata ovviamente rubata e il bottino al momento della Credem di Viale Europa di Marano di Napoli non è ancora stato calcolato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori