Enrico Boggian/ Imprenditore ucciso a Selvazzano: arrestato il figlio 16enne (ultime notizie oggi, 25 marzo)

- La Redazione

Enrico Boggian, imprenditore ucciso a Selvazzano in provincia di Padova con un colpo di pistola: arrestato il figlio 16enne. Ultime notizie oggi, 25 marzo 2017

carabinieri_lapresse_2017
Carabinieri (LaPresse)

L’omicidio di Enrico Boggian, l’imprenditore ucciso a Selvazzano, in provincia di Padova, ha un presunto colpevole. E’ stato infatti arrestato dai carabinieri, secondo quanto riferito dal Mattino di Padova, il figlio minorenne dell’uomo: è accusato di omicidio. Enrico Boggian aveva 52 anni ed era uno dei soci della Leasing Service di Noventa Padovana: ieri pomeriggio il figlio di 16 anni ha raccontato di averlo trovato morto, riverso in una pozza di sangue. I militari che sono intervenuti sul posto hanno raccolto la testimonianza del ragazzo che poi è stato portato in caserma. Oggi è però arrivata la svolta dell’omicidio dell’imprenditore con l’arresto del figlio. Secondo il racconto del giovane il padre Enrico Boggian si trovava sul divano della taverna, al piano seminterrato della casa, quando lui è entrato in casa. Sulla tavola apparecchiata per il pranzo c’era un orologio Rolex del valore di circa 8 mila euro. Enrico Boggian sarebbe stato ucciso con un colpo di pistola: sul corpo dell’imprenditore è stato infatti trovato un foro all’altezza della nuca, foro provocato da un proiettile di piccolo calibro. Il proiettile è stato trovato accanto al corpo dell’uomo ma non c’era invece alcuna traccia dell’arma del delitto. Per di più la casa non presentava alcun segno di effrazione.

Le indagini sul delitto di Enrico Boggian non solo sulla mancanza dell’arma del delitto e di segni di effrazione alla casa ma anche sul fatto che il corpo dell’uomo non presentava segni di colluttazione. Come se si fosse trattato di un’esecuzione dll’imprenditore. Gli inquirenti hanno iniziato a formulare le prime ipotesi su chi potesse essere l’assassino. Hanno anche sequestrato il cellulare di Enrico Boggian per indagare su messaggi e telefonate e pure ultimi spostamenti dell’imprenditore attraverso il segnale gps del suo telefonino. Intanto il figli 16enne che ha trovato il corpo del padre in una pozza di sangue, prima di essere interrogato in caserma, è stato portato in ospedale perché ha accusato un malore. Poi il ragazzo è stato interrogato: si è trattato di un lungo interrogatorio, durato fino a stamattina, interrogatorio durante il quale sembra siano emersi elementi tali per cui i carabinieri lo hanno dichiarato in stato di arresto con l’accusa di aver ucciso il padre. L’imprenditore Enrico Boggian abitava a Selvazzano con la moglie e anche un’altra figlia di 13 anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori