Ambulanza bloccata/ Andava contro mano a sirene accese, due autisti improvvisano un posto di blocco

- La Redazione

Una ambulanza che trasportava un malato grave imbocca una strada contromano: due autisti che si sono creduti paladini della legalità fanno un posto di blocco e la fermano

ambulanza_lapresse_2017
Ambulanza (LaPresse)

Eccesso di legalità o soltanto scemenza acclamata. E’ quanto successo nei pressi di Torino dove una ambulanza che trasportava un paziente con una grave emorragia interna ha imboccato con le sirene accese contromano l’ingresso dellinterporto di Orbassano, manovra certamente rischiosa ma normale quando si cerca di salvare un paziente. Nell’altro senso procedevano due automobili guidate rispettivamente da tali Claudio e Paolo che vedendo il mezzo andare contromano hanno pensato fosse il loro dovere di cittadini “onesti” fermare il mezzo e intimargli di tornare indietro perché procedeva contro mano. Hanno pure ripreso tutto orgogliosi della loro azione e hanno postato il tutto su facebook per far vedere che in Italia la legalità viene fatta rispettare anche da semplici cittadini. Il mezzo è stato costretto a fare inversione perdendo quasi mezz’ora di tempo per giungere all’ospedale. Su facebook uno dei due ha scritto: “Meno male che sono volontari che aiutano i cittadini nel momento del bisogno, ma almeno quando girano a vuoto non mandino le persone all’ospedale per colpa loro”. Quando molti utenti hanno fatto notare che le ambulanze in servizio possono violare il codice della strada, i due fresconi si sono resi conto della cretinata fatta e hanno cancellato tutto da fb, ma sono stati ugualmente identificati e denunciati. Il commento della locale Croce Rossa: “Nonostante le spiegazioni del nostro autista, che si è comportato in maniera ammirevole, senza reagire a insulti e provocazioni, quei due soggetti hanno continuato il blocco. Mentre uno filmava la scena, il secondo ci ha fatto perdere ulteriore tempo chiedendo le generalità del nostro operatore. Come fosse un tutore dell’ordine. Solo grazie all’intervento dell’infermiera è stato possibile fare retromarcia”. Fortunatamente il paziente non è morto. Ecco i risultati dell’onestà dei cittadini a tutti i costi diffusa da un ben noto partito italiano…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori