BIMBA VEGANA/ “Maestra perchè mangiamo cadaveri?”: scoppia il caso, rissa tra i genitori, lei cambierà scuola

- Silvana Palazzo

Aggredita perché sua figlia è vegetariana? La denuncia di una mamma vegana della provincia di Grosseto, ma i carnivori accusano lei. I retroscena svelati dalla blogger Selvaggia Lucarelli

scuola_studenti_2_lapresse_2017
Scuola (LaPresse)

Una mamma vegana è stata aggredita da altre mamme per le verità “scomode” rivelate da sue figlia a scuola? La bambina di 8 anni della provincia di Grosseto ha spiegato l’origine del cibo servito alla mensa ai compagni e qualcuno di loro, impensierito, ha cominciato a porsi delle domande e a rifiutare la carne. I genitori di questi bambini avrebbero, quindi, deciso di farla pagare alla bambina vegetariana («per scelta», come precisato dalla mamma), prendendosela con sua madre: l’avrebbero bloccata, strattonata e minacciata, poi le avrebbero rigato l’auto. «Erano arrabbiate perché la bambina racconta ai loro figli la verità su quel che mangiano. Quando ho detto che le avrei denunciate forse si sono intimorite e così sono riuscita a liberarmi», ha raccontato la mamma aggredita al Tirreno. Ora sono in corso delle indagini per accertare quanto accaduto nella scuola elementare, ma intanto i genitori della bambina vegetariana stanno prendendo in considerazione la possibilità di cambiarle scuola: «E questo sarà il danno maggiore perché lei adora le sue maestre e probabilmente non potremo aspettare la fine dell’anno scolastico», ha aggiunto la madre, che ha presentato anche il preventivo di 845 euro del carrozziere. Non è la prima volta che la donna viene presa di mira: alla fine dell’anno scorso aveva, infatti, invitato i compagni di sua figlia a casa per un barbecue vegetariano, ma le dissero che non poteva imporre la sua alimentazione e le consigliarono di «stare attenta». Dalle minacce si è passati purtroppo ai fatti mercoledì scorso? Gli interrogativi nascono dal sospetto che ci sia qualcosa di non ancora svelato in questa vicenda, per questo Selvaggia Lucarelli ha voluto ascoltare l’altra campana, cioè quella delle “mamme carnivore“: sostengono di non aver aggredito la mamma vegana, ma di essersi avvicinate per un confronto al quale si è voluta invece sottrarre lei. Inoltre, hanno precisato di non averle rigato l’auto. L’accusa della donna potrebbe, dunque, essere legata ad un tentativo di far pubblicità al suo rifugio? È questo il sospetto delle altre mamme, riportato dal Fatto Quotidiano, dove la blogger ha riportato i risultati di alcune sue ricerche: su Facebook, ad esempio, la mamma della bimba vegetariana assicura che la scelta è stata presa sette anni prima, quando la bambina però aveva solo un anno. «Non è ben chiaro come abbia detto no alle bistecche ad un anno di vita», scrive la Lucarelli, secondo cui la bambina cambierà scuola per la quarta volta in 4 anni. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori