ATTENTATO LONDRA/ “Complotto massonico, compasso su elicottero”: senatore ex M5s spernacchiato dal web

- Niccolò Magnani

Attentato Londra, “complotto massonico per il compasso sull’elicottero dei soccorsi”. La tesi del senatore ex M5s Bartolomeo Pepe sbugiardata dal web, i fatti e le foto su Facebook

tobias_ellwood_deputato_tory_attentato_londra_poliziotto_lapresse_2017
Immagine d'archivio - LaPresse

Tutto risolto. Altro che Isis. Dietro all’attentato sanguinario di Londra avvenuto settimana scorsa sul ponte e al parlamento di Westminster ci sarebbe la massoneria. La tesi, affascinante e fantasiosa è portata avanti non da qualche “fenomeno” retroscenista del web ma da un senatore della Repubblica, ex Movimento 5 Stelle e ora al Gruppo Misto. Bartolomeo Pepe ha infatti scritto ieri un post su Facebook in cui mostra due semplici foto dell’elicottero dei soccorsi arrivato al Parlamento britannico appena dopo l’attentato mosso da Khalid Masood. Un particolare ha colpito il senatore ex grillino, ovvero quel compasso simbolo notoriamente massonico. Ecco l’accusa lanciata dal politico che fino a qualche tempo fa combatteva in prima linea sul “complotto” delle scie chimiche; un complotto massonico dietro all’attentato di Londra? Poteri e logge massoniche dietro alla cellula islamista dell’Isis? Ecco, tutto molto interessante (direbbe il buon Rovazzi) però non fa al caso nostro, caro senatore: in poco tempo infatti viene sbugiardato il suo “grido” di complottismo da un semplice commentatore del web, tal Ennio Rusdalli che smaschera tutto (con un semplice link di Wikipedia) rivelando che dietro a quel simbolo… c’è proprio la massoneria! E quindi, ha ragione Pepe? Sbagliato di nuovo. In pratica nel 2016 alcuni gruppi massonici di Londra hanno donato e contribuito ad acquistare gli elicotteri dei soccorsi inglesi con una donazione di 2 milioni di sterline. Finisce così il “sogno” di una massoneria implicata nel terrorismo internazionale. Insomma, almeno con le scie chimiche il “complotto” era durato molti più mesi….



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori