Pinguini gay/ Rubano le uova alle coppie etero: “arrestati” dai guardiani del parco “ma non li discriminiamo”

- Niccolò Magnani

Pinguini Gay rubano le uova alle coppie etero: arrestati dai guardini non sono stati disciminati ma hanno potuto tenere le uova e crescere i figli pinguini. La curiosa storia dalla Cina

pinguini_amore_animali_lapresse_2017
Pinguini in amore (LaPresse)

E se vi dicessimo che esistono dei pinguini gay che vanno anche in cerca delle uova di coppie “etero” per poter avere anche loro il frutto dell’amore che altrimenti la natura non potrebbe loro disporre? Sì non siamo impazziti tutti d’un colpo, ma riportiamo una storia “antica” (precisamente nel 2008) ma ricondivisa in questi giorni dal Telegraph, forse per adeguarsi ai “nuovi” tempi che corrono sul fronte dei diritti LGBT su ogni fronte, perfino quello animale… La storia è curiosa: questa coppia di pinguini omosessuali in un parco museo tematico in Cina dedicato proprio agli ambienti polari, posizionavano pietre sui piedi dei genitori naturali per poi poter fuggire con il bottino “regale”, ovvero quelle stesse uova da poco partorite dalla coppia di pinguini naturali. La scienza ha da anni sdoganato l’esistenza di forme di pinguini “gay” ma ora anche ladri fa davvero sorridere: se non fosse che il giallo viene acuito dall’intervento dei guardiani del parco che “beccano” sul fatto i ladri di uova. «Una delle responsabilità nell’essere un maschio adulto è prendersi cura delle uova: pur essendo impossibile per questa coppia dal punto di vista biologico, il desiderio è naturale e rimane», raccontò alla stampa uno dei guardiani attoniti del Parco tematico. La coppia però non è stata “isolata” come punizione per il furto, bensì è stata allontanata dal gruppo per un motivo assai fantasioso, «Naturalmente non è per discriminazione, abbiamo dovuto allontanarli per evitare interruzioni di sorta durante la stagione della schiusa». Invece che rassegnarsi alla semplice legge di natura, questi pinguini hanno provato dopo anni probabilmente di scioperi della pinguetudine nazionale e di richieste per i diritti civili pinguiniferi a fare di testa loro e provare il “sacco” dell’anno. E di fatto, superando la natura e la convenzione tra pinguini, sarebbero anche stati in grado di ottenere, con la “clemenza” non discriminatoria dei guardiani che ha fatto il resto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori