URAN/ Il mistero del cane rapito e seviziato: “lo abbiamo ritrovato in una pozza di sangue”

- La Redazione

Uran è un pastore tedesco rapito a Sesto Fiorentino e ritrovato seviziato e con il cranio fracassato 2 ore dopo la sua scomparsa nel Chianti, a 40 chilometri dall’abitazione dove viveva

pastore_tedesco
Un pastore tedesco
Pubblicità

Un brutto giallo ha scosso Sesto Fiorentino e il Chianti: Uran, un pastore tedesco di 4 anni, era scomparso a Sesto ed è stato ritrovato a 40 chilometri di distanza solo due ore dopo con il cranio fracassato e lunghe ferite profonde lungo il collo. Nonostante la violenza l’animale, del peso di 45 chili, è riuscito a sopravvivere. Uran vive in una villetta di Cecina ed è stato ritrovato dalla polizia municipale di San Casciano. I suoi padroni sono rimasti senza parole nell’apprendere cos’era accaduto al loro cane, come riporta il Corriere Fiorentino: “Quando i vigili urbani ci hanno chiamato per informarci dell’accaduto siamo rimasti scioccati. Abbiamo paura perché questa storia ha tutto il sapore della minaccia, dell’intimidazione”. Questa la ricostruzione del rapimento di Uran fatto da Gregorio Albisani, il proprietario del cane: “Siamo usciti di casa alle 18 e Uran era in giardino, due ore dopo era scomparso. Poi quella telefonata in cui ci dicevano che era stato ritrovato in via di Fabbrica, a San Casciano in una pozza di sangue senza collare e placchetta con i dati”. Gli agenti sono riusciti a rintracciare i proprietari grazie al Microchip e il pastore tedesco è stato subito trasferito, su disposizione della Asl Veterinaria di Firenze, in una clinica del paese: lì è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico alla testa e ora lo attende una lunga riabilitazione che durerà mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori