ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora: Venezuela, revoca poteri Parlamento: Maduro chiede revisione decisione

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: (1 aprile 2017). La sicurezza europea non sarà merce di scambio. La Procura di Bologna toglie la potestà ad una famiglia islamica. Novità da Alatri.

brexit_europa_londra_lapresse
(LaPresse)
Pubblicità

Situazione complessa in Venezuela dove il presidente Nicolas Maduro ha chiesto alla Corte Suprema di rivedere la decisione con cui sono stati revocati i poteri del Parlamento. L’annuncio, come riporta Tgcom24, è arrivato poche ore prima l’inizio di una serie di manifestazioni che sono state convocate dall’opposizione contro il governo. La decisione di revocare i poteri del Parlamento è infatti stata criticata dall’opposizione e dai governi stranieri. Questa notte, a termine della riunione del Consiglio per la Sicurezza Nazionale, presieduto dallo stesso presidente Maduro, è stato annunciato l’appoggio ad una revisione della decisione della Corte Suprema “con l’obiettivo di mantenere la stabilità istituzionale”. I leader dell’opposizione hanno però criticato la decisione del Consiglio per la Sicurezza Nazionale perché non riuscirebbe a risolvere la crisi.

Pubblicità

Importante affermazione in seno alle nascenti trattative sull’uscita dell’Inghilterra dall’Unione Europea riguardanti la sicurezza dei confini del vecchio continente. Di quest’oggi infatti le dichiarazioni del presidente della commissione europea Donald Tusk che ha voluto sottolineare come la sicurezza dei confini non potrà essere merce di scambio, nè per la commissione nè tanto meno per il regno di sua maestà britannica. Immediatamente alle affermazioni di Tusk sono giunte le assicurazioni del ministro degli Esteri del Regno Unito, Boris Johnson, che ha assicurato che il divorzio sarà sicuramente “costruttivo”. Sotto il punto di vista interno da evidenziare che continua la volontà della Scozia di rimanere sotto l’egida della commissione europea.

Pubblicità

Dura presa di posizione della procura di Bologna, che quest’oggi ha tolto la patria potestà a una famiglia di origine islamiche. La coppia è accusata di aver imposto alla figlia 14enne il velo, alle rimostranze dell’adolescente essi hanno deciso di rasarla a zero. Indiscrezioni degli uffici giudiziari fanno sapere che comunque la coppia, residente da svariati anni nel popoloso rione di Borgo Panigale non è una famiglia radicalizzata, e che i loro nomi sono sconosciute nelle banche dati delle forze dell’ordine. La ragazza prelevata quest’oggi dai servizi sociali è stata accompagnata in una struttura protetta sempre nel capoluogo emiliano, ai genitori è stato inoltre notificato la diffida all’avvicinamento.

Il Giudice per le indagini preliminari di Roma, Anna Gavoni, ha convalidato il fermo dei due fratellastri della provincia di Frosinone, accusati di aver barbaramente ucciso dopo un pestaggio il ventenne Emanuele Morganti. Durante l’interrogatorio di garanzia i due, che sono stati ascoltati in maniera separata, si sono avvalsi alla presenza del loro avvocato della facoltà di non rispondere. Sotto il profilo delle indagini l’autopsia ha evidenziato che ad uccidere il Morganti dopo il brutale pestaggio è stato un colpo alla testa, inferto o con un manganello o con una chiave a stella. Gli inquirenti comunque nella giornata di oggi hanno dichiarato che le indagini non sono del tutto chiuse, da valutare infatti la posizione di altre persone, tra cui due donne, accusate di aver immobilizzato la vittima.

Non accenna a placarsi la polemica legata al mancato riconoscimento dello status di lista a cinque stelle nella città di Genova, con la notizia resa nota oggi che Grillo e Di Battista, risulterebbero indagati dalla procura del capoluogo ligure. L’iscrizione al registro degli indagati riguarderebbe una denuncia presentata da Marika Cassimatis, la vincente delle primarie genovesi poi sconfessata pubblicamente, per motivi che sono rimasti oscuri, dai leader dei pentastellati. La Cassimatis non ha preso bene l’esclusione e ha presentato una denuncia per diffamazione verso i due esponenti politici. Contestualmente alla denuncia la ormai ex candidata cinque stelle ha presentato un ricorso urgente al TAR ligure, per sconfessare la decisione presa dai vertici dei grillini.

Niccolò Campriani il plurimedagliato olimpico nel tiro a segno ha comunicato quest’oggi che ha abbandonato il nucleo sportivo della Guardia di Finanza, squadra che lo aveva lanciato all’apice della sua carriera sportiva. Il ritiro dell’olimpionico avviene per permettere allo stesso di dedicarsi alla carriera professionale attinente alla laurea in Ingegneria Manageriale conseguita alla West Virginia University. Campriani a margine della cerimonia nella quale le fiamme gialle lo hanno salutato, ha sottolineato che non lascerà la carriera agonistica, ma che essa non sarà più al centro dei propri pensieri. Campriani risulta allo stato attuale l’atleta più titolato nel tiro sportivo, e nella scorsa olimpiade ha vinto due medaglie d’oro.

È stato sottoposto ieri ad intervento chirurgico Marco Pjaca, il forte giocatore croato in forza alla Juventus. L’esterno si è fatto male durante un amichevole della sua nazionale, amichevole che si è disputata sul campo dell’Estonia. Pjaca è stato operato a Villa Stuart da un luminare del ginocchio il professor Mariani, lo stesso sanitario si è presentato in conferenza stampa evidenziando che l’intervento è perfettamente riuscito, e ha interessato la ricostruzione completa del legamento del ginocchio destro e l’asportazione del menisco anteriore. Per il professor Mariani i tempi di recupero sono stimati in circa 180 giorni, nessun dubbio riguardo il ritorno in forma del giovane attaccante, recupero valutato da Mariani come al 100%. Al giocatore sono giunti tramite i social gli auguri di quasi tutte le squadre del massimo campionato.

Le partite delle nazionali hanno lasciato in dote a Massimiliano Allegri molti dubbi, in vista dell’importante partita di campionato contro il Napoli. Il tecnico livornese acclarata la mancanza di alternative in avanti, stante l’infortunio di Pjiaca, deve valutare le condizioni dell’asso argentino Paulo Dybala, ritornato non al meglio delle condizioni fisiche. Da valutare inoltre anche le condizioni di Mario Mandžukic, il croato si sta allenando fuori dal gruppo da qualche giorno, e la sicurezza della sua presenza in campo ci sarà solamente dopo il provino di domani. Probabile in tale contesto l’avanzamento di Alex Sandro, con il brasiliano che potrebbe essere chiamato a far da coppia con l’attesissimo Gonzalo Higuain. In casa partenopea l’unico dubbio ruota attorno alla presenza del portiere Reina, già in pre allarme Rafael.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori