GESSICA NOTARO/ Ex Miss sfregiata con l’acido dall’ex: le prime foto dopo l’aggressione di Jorge Edson Tavares

- Silvana Palazzo

Gessica Notaro, ex Miss sfregiata con l’acido dall’ex: le prime foto e le prime parole dopo l’aggressione di Jorge Edson Tavares. Il racconto in Inghilterra, al Daily Mail

gessica_notaro_facebook
Gessica Notaro, ex Miss sfregiata con l'acido

La terribile storia di Gessica Notaro ha scosso anche l’Inghilterra: è stata la stessa ex concorrente di Miss Italia a raccontarla. La 28enne ha rivelato la sua sofferenza dopo essere stata sfregiata con l’acido dall’ex fidanzato Jorge Edson Tavares nell’intervista al Daily Mail. Dopo aver trascorso due mesi nell’ospedale di Cesena, Gessica attende ora di sottoporsi ad un intervento di chirurgia plastica. Deve, però, aspettare un anno, ma nel frattempo spende più di 700 euro al mese tra medicine, gocce per gli occhi e lozioni che leniscono il dolore. Per la prima volta da quando è uscita dall’ospedale racconta la sua nuova vita, che non può più essere quella di prima, nella quale ad esempio aspirava a diventare cantante. Lavorava al delfinario di Rimini, dove ha conosciuto l’ex tre anni fa, ma non può tornare a svolgere la sua professione perché non può entrare in acqua. «Ho fatto i miei due mesi di prigione. La mia vita non sarà più come prima» – ha spiegato l’ex concorrente di Miss Italia, che poi ha proseguito – «Non posso prendere il sole, sono costantemente intrappolata in questa maschera e la mia faccia fa male tutto il tempo». L’incubo per Gessica Notaro non è finito: dovrà convivere con le ferite interiori che questa vicenda le ha lasciato. Tutta colpa della gelosia di Jorge Edson Tavares, passato da fidanzato modello a stalker: tracciava i suoi movimenti, la minacciava e inscenò addirittura un finto suicidio, fingendo di impiccarsi al cancello con una corda. 

Gessica Notaro chiese all’uomo che puliva i filtri al delfinario nel quale lavorava cosa avrebbe dovuto fare in caso di attacco con l’acido, visto che l’aveva minacciata di farlo: «Avrei dovuto lavarmi subito la faccia? Mi consigliò di non farlo perché alcuni acidi fanno buchi sulla pelle se entrano in contatto con l’acqua». Poco fece la polizia, a cui mostrò le prove dello stalking: gli agenti si limitarono a dirle di stargli lontano. Il giorno in cui è stata aggredita si aspettava un confronto, ma venne colpita subito dall’acido: «Ha alzato il braccio per essere sicuro di averlo versato tutto, fino all’ultima goccia. La mia faccia bruciava e subito persi la vista. Mi sentii disperata perché sapevo che più tempo passava più l’acido mi corrodeva». Nonostante tutto Gessica Notaro riesce a riconoscersi allo specchio: «La mia faccia è rovinata ma la mia bocca e il mio naso sono intatti. Da un occhio vedo e la cosa più importante è che non ho perso la mia voce. Ho rischiato di perderla perché l’acido mi è finito in bocca ma sono stata veloce a sputarlo fuori». Dopo l’aggressione non ha esitato a chiedere di vedersi allo specchio, ma all’inizio le hanno mostrato le fotografie. Quando le hanno consegnato uno specchio ha notato le bruciature sul viso ed è rimasta un po’ scioccata. Eppure Gessica Notaro non desidera vendetta: «L’unica cosa che voglio è che mi guardi e veda ciò che ha fatto».   



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori