TERREMOTO OGGI/ Ingv, ultime scosse: Calabria, sisma M 2.3 a Cosenza (18 aprile 2017, ora 19:20)

- Silvana Palazzo

Terremoto Oggi, 18 aprile 2017, ultime scosse secondo i dati Ingv. Abruzzo, sisma di magnitudo 2.1 sulla Scala Richter in provincia dell’Aquila. Notizie e aggiornamenti in tempo reale

terremoto_02_pixabay
Terremoto oggi (Immagine di repertorio, Pixabay)

Si è verificato un terremoto in provincia di Cosenza alle ore 15.46. Il sisma è stato di 2.3 Magnitudo come ha sottolineato l’Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia italiana. La scossa si è verificata alle seguenti coordinate: 39.43 latitudine e 15.78 longitudine. L’ipocentro invece è stato rilevato a circa 223 chilometri di profondità dalla superficie terrestre. Sono pochi i comuni nel raggio di venti chilometri dall’epicentro che si è verificato in mezzo al mare, andiamo ad elencarli: Acquappesa (CS), Cetraro (CS) e Guardia Piemontese (CS). C’è poi stata un’altra scossa ad Amatrice alle ore 14.41 di 2.0 Magnitudo, ecco i comuni nel raggio di venti chilometri dall’epicentro: Amatrice (RI); Accumoli (RI); Campotosto (AQ); Arquata del Tronto (AP); Acquasanta Terme (AP); Cittareale (RI); Cortino (TE); Capitignano (AQ); Valle Castellana (TE); Rocca Santa Maria (TE); Montereale (AQ) e Crognaleto (TE). (agg. di Matteo Fantozzi) 

La terra continua a tremare in Abruzzo. L’ultima scossa di terremoto oggi rilevata dall’Ingv è avvenuta con una magnitudo 2.6 sulla scala Richter a 1 chilometro a sud est di Villavallelonga, in provincia de L’Aquila. Il sisma si è verificato alle ore 07:31:02 con queste coordinate geografiche: latitudine 41.86, longitudine 13.64 e ipocentro a una profondità di 16 km. Oltre a Villavallelonga sono vari i comuni che si trovano entro 20 km dall’epicentro di questa scossa di terremoto: Collelongo AQ Lecce nei Marsi AQ Balsorano AQ San Vincenzo Valle Roveto AQ Ortucchio AQ Gioia dei Marsi AQ Bisegna AQ Pescosolido FR Trasacco AQ Pescasseroli AQ Civita d’Antino AQ Campoli Appennino FR Morino AQ Sora FR San Benedetto dei Marsi AQ Ortona dei Marsi AQ Broccostella FR Luco dei Marsi AQ Civitella Roveto AQ Opi AQ Villalago AQ Pescina AQ Posta Fibreno FR. (aggiornamento di Stefania La Malfa)

Una nuova scossa di terremoto ha colpito oggi l’Abruzzo, ma per fortuna si è trattato di un sisma di un’intensità non pericolosa. Stando a quanto indicato dai dati dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), il terremoto avvenuto alle 00:50 nei pressi di Fagnano Alto, in provincia dell’Aquila, è stato di magnitudo M 2.1 sulla Scala Richter. L’epicentro del sisma è stato individuato con le seguenti coordinate geografiche: latitudine 42.26, longitudine 13.6 e ad una profondità di 9 chilometri. Tra i Comuni coinvolti nella scossa di terremoto, ma entro i 10 chilometri dall’epicentro, ci sono Prata d’Ansidonia, Fontecchio, San Demetrio ne’ Vestini, Villa Sant’Angelo, San Pio delle Camere, Caporciano, Tione degli Abruzzi, Sant’Eusanio Forconese, Barisciano, Rocca di Mezzo, Poggio Picenze, Carapelle Calvisio, Rocca di Cambio, Castelvecchio Calvisio e Fossa. Sei minuti dopo un’altra scossa di terremoto, ma di minore intensità, è avvenuta vicino Campotosto: è stata di magnitudo M 1.4.

Le previsioni meteo per oggi, martedì 18 aprile 2017, descrivono un tempo in prevalenza soleggiato su Calabria meridionale, Sicilia, Sardegna e, al mattino, anche su regioni di Nordovest e Toscana. Nuvole, invece, su regioni di Nordest, est e sud della Lombardia, gran parte delle regioni centrali, in propagazione verso sera a Campania, Basilicata e nord della Puglia. Qui le condizioni meteorologiche potrebbero peggiorare, quindi nel corso della giornata – stando a quanto riportato da Meteo.it – potrebbero svilupparsi piogge, rovesci o temporali. Le temperature massime caleranno a partire dal settore alpino e regioni nord-orientali. Domani, invece, si alterneranno schiarite e annuvolamenti. Piogge intermittenti potrebbero verificarsi in bassa Campania, alta Calabria, Basilicata e Puglia meridionale e tra Marche meridionali, Abruzzo, Molise e zone interne del Lazio, nevose sull’Appennino fin verso 1000-1200 m. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori