MUSEO DEL FALLIMENTO/ Foto, dalle lasagne della Colgate al gioco di Trump: in mostra i prodotti flop

- La Redazione

Museo del Fallimento, dalle lasagne della Colgate alla Coca Cola al caffè, al gioco di Trump: tutti i prodotti commerciali che hanno fatto flop. Le foto. Ultime notizie oggi, 20 aprile 2017 

museo_fallimento_profumo_harley_davidson_2017
Museo del Fallimento, c'è anche il profumo della Harley Davidson

Oggetti che sono stati prodotti ma che non hanno ricevuto il consenso dei consumatori. Sono vari i flop commerciali della storia tanto che in Svezia hanno deciso di metterli in mostra: tra pochi giorni sarà infatti inaugurato a Helsingborg il Museo del Fallimento. Come riporta il Mail Online, il museo aprirà al pubblico il prossimo 7 giugno e i visitatori potranno ammirare 51 oggetti entrati in commercio ma subito usciti di produzione perché non hanno riscosso successo tra i clienti. Si tratta di prodotti ‘improbabili’ che sono stati raccolti dal collezionista Samuel West ma che testimoniano comunque la creatività di chi li ha pensati e poi realizzati. Tra gli oggetti che saranno messi in mostra nel Museo del Fallimento ci sono per esempio le lasagne prodotte dalla marca di dentifrici Colgate, la Coca Cola al gusto di caffè, il profumo con aroma di motocicletta Harley-Davidson.

E ancora i visitatori del nuovo museo svedese potranno ‘toccare con mano’ il Nokia N-Cage, un telefono con pulsanti per videogiocatori, oppure la maschera per il ringiovanimento facciale che funzionava grazie a scosse elettriche, o il TwitterPeek, strumento per accedere a Twitter. Nel Museo del Fallimento ci sarà anche spazio per il gioco da tavolo di Donald Trump, diventato ora Presidente degli Stati Uniti e per il Cuecat, dispositivo per leggere i codici a barre. Accanto a prodotti che non sono riusciti a far breccia nel cuore dei consumatori ci sono però anche molto amati e utilizzati in passato ma ora entrati in disuso con l’avvento dell’era digitale: ne sono un esempio il dvd di Blockbuster e la macchina fotografica Kodak.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori