CONSIGLI PER LA GIORNATA DELLA TERRA/ Google Doodle e la copertina di Topolino (oggi 22 aprile)

- Niccolò Magnani

Earth Day 2017, la Giornata Mondiale della Terra oggi 22 aprile 2017: consigli e temi per la giornata dedicata all’ambiente. La bellezza salverà il mondo, la campagna web

earth_day_terra_giornata_mondo_spazio_lapresse_2017
Nasa cerca "Men in Black" (Foto: LaPresse)

Oggi è la Giornata della Terra anche per i più piccoli. Per questo Topolino, storico settimanale di fumetti, ha deciso di dedicare la copertina dell’ultimo numero a questo evento. Nell’immagine sono raffigurati Qui, Quo e Qua in versione Giovani marmotte sorridenti vicino a un planisfero stilizzato, ricco di vegetazione. Anche i contenuti di questo numero di Topolino sono all’insegna dell’Earth Day. Sull’account di Twitter è stato infatti postato un articolo che spiega come dagli scarti alimentari venga prodotta una plastica che può servire a tantissimi usi: la bioplastica, realizzata dall’Istituto italiano di tecnologia di Genova. Una plastica che non lascia tracce e non inquina, perché è biodegradabile. Inoltre, essendo prodotta con gli scarti alimentari, non ha necessità di materie prime particolari. Con questo materiale si possono realizzare cover per smartphone, suole per le scarpe, contenitori e altri oggetti utili nella vita quotidiana. Clicca qui per la copertina di Topolino.

Mentre è in corso la Giornata della Terra, Chiara Braga ricorda che l’Italia sta attraversando un periodo anomalo di siccità, dopo un inverno che è stato povero di precipitazioni. Inoltre, il nostro Paese “spreca ancora 4 metri quadrati al secondo di suolo, ovvero 35 ettari di terreno al giorno”. La deputata del Partito democratico, secondo quanto riporta Agenpress, evidenzia quindi la necessità di trovare delle soluzioni che possano eliminare gli effetti negativi dell’attività antropica, riducendo per esempio le emissioni, promuovendo le fonti energetiche rinnovabili, il riuso dei materiale e la diminuzione della produzione di rifiuti. Braga si appella anche ai suoi colleghi parlamentari del Senato, affinché prima della fine della legislatura, prevista all’inizio del prossimo anno, si possa varare una legge contro il consumo di suolo. 

La Giornata della Terra cade quest’anno in vicinanza delle elezioni amministrative in molte città italiane. Così, in alcuni casi, l’Earth Day diventa occasione per i candidati di ricordare il proprio impegno in favore dell’ambiente. A Piacenza, Paolo Rizzi, per esempio, spiega di voler fare in modo di avere una città “più sana e più bella da vivere”, con maggior raccolta differenziata ed efficienza energetica negli edifici pubblici e anche “un sistema diffuso di verde urbano nel quale vanno integrate le aree edificate”. “Crediamo che una città bella debba essere soprattutto una città verde nella quale gli alberi sono parte integrante dell’ambiente urbano in molte più aree, non solo nei parchi”, ha detto il candidato Sindaco del Partito democratico, annunciando che “uno dei primi obiettivi della prossima amministrazione sarà piantumare almeno 100 nuovi alberi nelle strade della città”. Rizzi intende anche fare in modo di potenziare il sistema degli orti urbani. L’obiettivo complessivo è quello di fare di Piacenza “un modello di qualità della vita e di sostenibilità per tutta l’area padana”.

Oggi si celebra la Giornata mondiale delle Terra, con varie iniziative, che hanno riguardato anche il mondo della fotografia. La Fondazione UniVerde e la Società geografica italiana hanno infatti organizzato un concorso fotografico proprio in occasione dell’Earth Day, chiamato Obiettivo Terra. Tra le 1.300 foto pervenute, scattate soprattutto da concorrenti under 35, a vincere è stata quella di Tania De Pascalis, che ha vinto così ben 1.000 euro. Tra l’altro si tratta della prima volta, in otto edizione, che la vittoria va a una donna. La foto vincitrice è stata scattata sul lago di Braies, nel Parco naturale Fanes-Senese-Braies, che si trova in Trentino-Alto Adige, e sullo specchio ghiacciato del lago si vedono anche due pattinatrici. Lo scatto vincente resterà esposto in maxi affissione fino al 28 aprile in Piazza Barberini a Roma, insieme a quello che ha vinto la menzione speciale “Madre Terra”, realizzato da Giovanni Volpe, in cui sono immortalate le pendici dei Monti Sibillini, nei pressi di Castelluccio di Norcia, rivestite di papaveri in fiore. Si tratta di uno scatto speciale, premiato come segno di solidarietà ai Parchi colpiti dai terremoti che hanno devastato il Centro Italia. Clicca qui per la voto vincitrice e qui per quella che ha vinto la menzione speciale.

Anche Google celebra oggi la Giornata Mondiale della Terra. Per l’Earth Day 2017 è stato infatti ideato un Doodle ad hoc che racconta la favola di una volpe, tra incubi e buoni propositi per salvare il pianeta. Il Google Doodle è composto da alcune slide in cui si vede una volpe dormire male a causa di un incubo: il mare è inquinato e i ghiacciai si sciolgono. La volpe si sveglia e cerca di cambiare alcuni comportamenti legati ad azioni quotidiane per evitare che l’incubo diventi realtà. Ecco quindi che si vede l’animale, accompagnato da due amici, un gatto e una rana, coltivare l’orto, comprare verdura al posto della carne al supermercato, usare la bicicletta per spostarsi. Poi i tre animaletti, tornati a casa, si informano sull’energia eolica e quella solare, spengono le luci e staccano le spine dalle prese per risparmiare. Infine tutti e tre possono finalmente dormire in tranquillità. Il Google Doodle per la Giornata Mondiale della Terra non finisce qui. Dopo la storia della volpe compare infatti la sezione ‘scopri di più’ in cui sono indicati 4 consigli per “rendere più felice il nostro pianeta”: Consiglio #1 – Spegni sempre le luci quando esci da una stanza; Consiglio #2 – Trascorri più tempo all’aria aperta e aiuta a piantare qualche albero nel tuo quartiere; Consiglio #3 – Prova per un giorno a pedalare o camminare, usare i mezzi pubblici e condividere l’auto; Consiglio #4 – Aiuta a ridurre le emissioni di gas serra e i rifiuti comprando frutta, verdura e altri alimenti prodotti localmente. Clicca qui per vedere il Google Doodle. (aggiornamento di Stefania La Malfa)

-Giornata Mondiale della Terra o Earth Day 2017 che dir si voglia, non c’è giorno migliore di questo sabato 22 aprile per cercare di sensibilizzare l’umanità sull’importanza di preservare il Pianeta. Per quanto riguarda l’Italia non mancano iniziative importanti in ogni regione, ma anche da casa è possibile recepire dei buoni consigli grazie alla programmazione speciale offerta dalle tv. In questo caso a fare la parte del leone è Sky: sul canale Sky Cinema Family HD (canale 314) in prime time andrà in onda “La marcia dei pinguini – Il richiamo”, documentario in prima tv di Luc Jacquet ambientato nell’Antartide. In seconda serata, invece, assisteremo a “Enchanted Kingdom”, altro documentario firmato BBC sulla bellezza della natura. Per quanto riguarda gli altri canali, LaEffe, canale 139 di Sky, a partire dalle 13:40 di oggi darà vita ad una maratona “Dimmi dove vivi” insieme al filosofo ed esploratore Philippe Simay, che indagherà e osserverà e la capacità dell’uomo di adattarsi all’ambiente rispettandolo. (aggiornamento di Dario D’Angelo)

-Ricorre oggi, sabato 22 aprile, l’Earth Day 2017. Ma cos’è cambiato dalla prima edizione della Giornata Mondiale della Terra, datata 1970? La risposta, generica, è che è cambiato tanto, e in peggio. L’umanità, stando ai dati snocciolati dagli scienziati, sembra non essere in grado di preservare il suo gioiello più prezioso. Qualche esempio? Partiamo con il prendere in considerazione le dannosissime emissioni di anidride carbonica: bene, come ricorda il Museo di Storia Naturale Americano, nel 1970 erano pari a 14.9 milioni di tonnellate e oggi sono addirittura 36.3. Per non parlare dello scioglimento dei ghiacciai: 47 anni fa la loro superficie ammontava a 7.2 milioni di km quadrati, oggi rimasti 4.7. Questo ha fatto sì che il livello del mare si alzasse di 22.7 cm (nel 1970 il dato era +11.9), rispetto alle rilevazioni del 1880. Ma il cattivo comportamento degli uomini si ripercuote anche sugli animali: basti pensare che quelli di terra sono diminuiti del 38% e quelli marini del 36%. Non sarebbe il caso di volerci tutti un po’ più bene? (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Quest’anno pare non sia previsto un intervento o una visita inaspettata come 12 mesi fa con l’Earth Day 2016 per Papa Francesco che spesso in questi anni di Pontificato ha dedicato pensieri e parole per il rispetto, la cura e la sostenibilità dell’ecologia umana e ambientale. Sorpresa e commozione aveva suscitato lo scorso anno la venuta improvvisa del Santo padre al Villaggio per la Terra sulla Terrazza del Pincio, come quello che anche quest’anno viene allestito da oggi fino al 25 aprile prossimo. «Sentendovi parlare, mi sono venute alla mente due immagini: il deserto e la foresta», aveva raccontato il Papa agli organizzatori e agli ospiti presenti al villaggio per la Giornata Mondiale della Terra. «Questa gente, tutti voi, prendono il deserto per trasformarlo in foresta. Vanno dove c’è il deserto, dove non c’è speranza, e fanno cose che fanno diventare foresta questo deserto» aveva ancora sottolineato il Santo Padre promuovendo l’importante cura e rispetto per l’ambiente che circonda l’uomo, la creature delle creature inserita in un ecosistema frutto anch’esso dell’amore di Dio. «La foresta è piena di alberi, è piena di verde, ma troppo disordinata… ma così è la vita! E passare dal deserto alla foresta è un bel lavoro che voi fate. Voi trasformate deserti in foreste!», aveva concluso il breve intervento davanti alla folla commossa per la sua presenza tra loto. Era stata anche l’occasione in cui Pierluigi Sassi, presidente di Earth day Italia, aveva raccontato al Santo Padre le esperienze e le attività incentrate sull’educazione ambientale, «dialogo interreligioso e minori non accompagnati, e un’esperienza europea del Progetto Erasmus per studenti».

Per l’Earth Day 2017 sono tanti gli eventi organizzati, ma anche le iniziative lanciate. Per la giornata mondiale della Terra è stata ideata una sfida anche per i più piccoli. L’ha pensata Young, che ha sfidato i bambini a raccogliere e riciclare il maggior numero di bottiglie di plastico. Ciascun bambino riceverà quattro gettoni di ricompensa per ogni cinque bottiglie di plastica portate nei grandi locali Leisure youngo di Boscofangone (Nola) e Youngo maximall di Pontecagnano Faiano (Salerno). Con le bottiglie recuperate verrà aperto un laboratorio di riciclo creativo: nel pomeriggio di sabato le bottiglie verranno trasformate in sculture ecologiche molto originali. A San Salvo, in provincia di Chieti, invece il rispetto per l’ambiente passa anche per l’educazione. Per questo il Lions Club, insieme a Legambiente, scuole e Comune ha organizzato una lezione sul mare. Poi partirà la pulizia della spiaggia. Un gran bel modo per celebrare l’Earth Day 2017. (agg. di Silvana Palazzo)

Sono tante le iniziative anche in Italia per l’Earth Day 2017, la Giornata mondiale della Terra che si celebra come ogni anno il 22 aprile. Domani a Roma è in programma il Concerto per la Terra 2017: l’appuntamento è alla Terrazza del Pincio con ingresso libero e gratuito. Il Villaggio della Terra ospiterà la serata “Over the Wall – Mecenati della Bellezza” con vari artisti che si esibiranno a partire dalle ore 19. Sul palco allestito per l’Earth Day 2017 saliranno Noemi, Sergio Sylvestre, Soul System, Zero Assoluto, Ron e La Scelta. L’evento sarà presentato da Fabrizio Frizzi e parteciperanno lo showman Antonio Mezzancella, il maestro Roberto Cacciapaglia e l’attore Neri Marcorè. Gli eventi per la Giornata mondiale della Terra non si svolgeranno solo domani 22 aprile 2017: il Villaggio della Terra al Pincio a Roma ha infatti aperto i battenti oggi e propone, fino al prossimo 25 aprile, 5 giorni di sport, concerti, mostre, convegni, spettacoli, laboratori, attività per bambini e anche cibo. Tante attività per scambiarsi idee ed esperienze sostenibili. Clicca qui per scoprire tutto il programma. (aggiornamento di Stefania La Malfa)

Sono numerosi gli studi e le statistiche che vengono prodotte in occasione dell’Earth Day in modo da dare una aggiornata sempre più costante alla situazione legata alla cura, al rispetto e ai problemi dovuti all’ambienti. Secondo uno di questi studi compiuti da Conlegno, il 2017 sembra essere davvero l’anno della svolta “green” per tante imprese italiane e per gli stessi imprenditori. Si è studiato che per oltre 7 imprenditori su 10 (72%) è stato affermato di avere già messo in atto, o di avere intenzione di farlo, politiche e azioni concretamente ecosostenibili in azienda per contenere le emissioni inquinanti o hanno adottato comportamenti più sostenibili, dai vertici fino ai dipendenti. Le scelte sono varie e molteplici e in percentuali sono state indette numerose opere di “rinnovamento” energetico presso tante imprese italiane: innovazione dei macchinari (44%), l’installazione di pannelli solari per generare energia pulita (37%), raccolta differenziata in ufficio (51%) e l’abbassamento dei termosifoni (45%) sono solo alcune delle scelte più operate dagli imprenditori analizzati da Conlegno. Ma quali sarebbero i veri vantaggi, secondo gli stessi addetti ai lavori che si sono convinti ad una svolta maggiormente “green”: «ambiente di lavoro più sano e sereno (87%), un risparmio economico sul medio e lungo termine (73%) e un incremento della reputazione dell’azienda in ottica Csr (62%)». Insomma, la giornata mondiale della Terra è anche questo.

Domani, 22 aprile aprile 2017, sarà l’Earth Day ovvero la grande giornata mondiale della Terra che si celebra appunto in ogni parte del globo da ormai molti anni. È di fatto la più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia. Inutile dire come lo sforzo per un cambiamento e una maggiore sostenibilità climatica e ambientale negli ultimi vent’anni ha fatto enormi balzi in avanti, anche se i problemi forti rimangono tra presunte teorie catastrofiche e reali problematiche legate alla cura dell’acqua e dell’aria pulita, specie nelle zone del mondo ad alto tasso di industrializzazione. La Giornata della Terra, momento fortemente voluto dal senatore statunitense Gaylord Nelson e promosso ancor prima dal presidente John Fitzgerald Kennedy, coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo. In tantissime località del mondo oggi vengono organizzati eventi, conferenze, concerti e seminari per provare a capire in che direzione e problematiche sta andando oggi la Terra, nel 2017, dopo la firma tanto attesa lo scorso anno degli accordi climatici a Parigi. A Roma per esempio da oggi fino alla giornata del 25 aprile, alla Terrazza del Pincio (Galoppatoio di Villa Borghese) sono organizzati 5 giorni di «sport, concerti, esposizioni, mostre, convegni, spettacoli, laboratori didattici, attività per bambini e buon cibo», riporta il sito di Earth Day Italia. Il mondo della sostenibilità sbarca dunque per una settimana in piena Capitale del nostro Paese.

Se poi anche l’Earth Day si tinge di “bello”…un celebre romanziere russo dal “discreto” successo – Fedor Dostoevskij – amava ripetere questo concetto “La Bellezza salverà il mondo”. Il grande e geniale autore si riferiva alla Bellezza della testimonianza di Cristo e della sua creazione e spesso purtroppo è stato “tirato” per la giacchetta; in parte è avvenuto anche per la Giornata Mondiale della Terra e forse per questo motivo il Vaticano lo scorso anno ha tenuto a rilanciare la tematica della Bellezza, del Mondo e del Giusto rispetto anche all’aspetto ambientale di cura e rispetto per la Terra che ci circonda. In incontro tenuto lo scorso anno in pieno Giubileo della Misericordia, il Cardinal Ravasi e il ministro della Cultura Dario Franceschini tennero un lungo seminario sul concetto di Bellezza e di urgente richiamo al rispetto della natura creata da Dio. «La letteratura, l’arte, la cultura – ha affermato Ravasi – permettono di vedere l’Invisibile attraverso il visibile”. “Possiamo contare – gli ha fatto eco Franceschini – su uno dei maggiori patrimoni culturali al mondo e spesso ce ne dimentichiamo. L’inversione di tendenza registrata nel 2015 nella fruizione di cultura del nostro Paese è un segno incoraggiante». Non solo ambiente ma proprio educazione e cura per il bello: dall’arte alla cultura, dall’ambiente alla società in cambiamento. Il bene nel mondo è “chiamato” a dirimere, a livello di coscienza personale e collettiva, il futuro a partire già dalla coscienza presente. In questo senso la Bellezza salverà il mondo o quantomeno il mondo ha un estremo bisogno di bellezza… 

Sono tantissimi i vip che gli anno con una ingente campagna di sensibilizzazione provano a rilanciare l’importanza dell’Earth Day: la sostenibilità e la cura sono i temi fondamentali di questo ennesimo #ioCiTengo lanciato tra social, web e comunicazione. Come riporta il sito di Earth Day Italia, «Io Ci Tengo” è il format web-televisivo di Earth Day Italia per le Campagne di Sensibilizzazione, che coinvolge ogni anno decine di testimonial del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo attraverso video spot in cui prendono un impegno per la terra invitando il loro pubblico ad imitarli con la frase “il mio impegno per la Terra è … fallo  anche tu, Io Ci Tengo!». Quest’anno tra i più attivi è certamente Marco Mengoni che rilancia la tematica dell’abbattimento di risorse dannose per l’ambiente, “io ho cominciato a farlo, dai fallo anche tu! Perché io Ci Tengo”, recita il cantante nel messaggio video che potete trovare qui sotto. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori