L’UOMO-GALLINA HA COVATO I SUOI PULCINI/ Foto, si schiudono le prime uova di Abraham Poincheval a Parigi

- Linda Irico

Abraham Poincheval è stato soprannominato “l’uomo gallina”: per 20 giorni ha covato una decina di uova di gallina e ora sono nati i “suoi” primi pulcini

uomo_gallina_Abraham_Poincheval_museo_parigi_twitter_2017
Abraham Poincheval, "l'uomo-gallina" durante la sua performance al Palais de Tokyo a Parigi

I – Può considerarsi riuscita l’impresa di Abraham Poincheval, che per più di 20 giorni ha covato una decina di uova di gallina chiuse in una scatola di vetro nel Palais de Tokyo, il Museo d’arte contemporanea di Parigi. L’artista francese ha deciso di improvvisarsi gallina, un esperimento che ricorda quello di Maralee Caruso, “uomo-capra” che scelse di trascorrere le proprie vacanze vivendo come l’animale. La performance di Poincheval, chiamata “Egg”, ha dato i suoi frutti: alcune uova si sono infatti schiuse e l’artista ha “dato alla luce” i suoi primi pulcini. Tra le imprese precedenti di Poincheval ce ne sono di altrettanto “estreme”, come vivere all’interno di un orso impagliato e la navigazione di un fiume in una bottiglia gigante. L’artista ha covato in pubblico le sue uova dallo scorso 29 marzo: gli spettatori hanno inoltre potuto seguire la covata in diretta non solo recandosi al museo ma anche tramite il Live Feed YouTube del museo. Anche se alcuni pulcini sono già nati, il lavoro di Poincheval non è finito: proprio come farebbe la vera mamma-gallina, rimarrà nella sua teca di vetro a mantenere costante la temperatura di 37 gradi fino a che tutte le uova non si saranno schiuse. Nelle ultime tre settimane l’artista è rimasto seduto per quasi tutto il tempo, con una pausa di solo mezz’ora ogni 24 ore. Il futuro dei pulcini è già stato deciso: non finiranno mai in un piatto ma vivranno una vita felice nella fattoria del padre di Poincheval. Clicca qui per vedere l’artista con i suoi pulcini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori