MADDIE MCCANN/ Avvistata in Marocco: solo una delle tante piste suggestive? (Pomeriggio 5)

- Silvana Palazzo

Maddie McCann avvistata in Marocco: la bambina inglese scomparsa potrebbe essere stata rapita e poi venduta ad una famiglia ricca del Nord Africa. Le ultime notizie a La Vita in Diretta

maddie_mccann_web_2007
Maddie McCann, ultime notizie

Dieci anni fa spariva misteriosamente la piccola Madeleine McCann, nota come Maddie, la bambina inglese che all’epoca dei fatti aveva appena 3 anni. Del caso se ne occuperà oggi la trasmissione Pomeriggio 5, con le ultime novità sul giallo. Dal 3 maggio 2007, infatti, le indagini sulla sparizione della bambina, avvenuta mentre si trovava in vacanza con i genitori e i fratellini in un resort in Portogallo, non sarebbe emerso nessun elemento attendibile in grado di fornire l’attesa svolta sulle sorti della piccola. Da allora, come riporta Corriere.it, restano aperte tutte le piste percorribili ma non ci sarebbe alcun indagato nel registro degli investigatori portoghesi ed inglesi. Proprio a causa del vuoto nelle indagini, sarebbero ad oggi numerose le ipotesi e le congetture sul giallo, alcune delle quali anche fantasiose e a dir poco suggestive. L’ultima in termini di tempo, vedrebbe la piccola Maddie McCann in Marocco: pare infatti che la bimba, oggi ormai ragazzina, sarebbe stata rapita e venduta poi ad una ricca famiglia in Nord Africa. Quanto di vero ci sarebbe in questa inedita quanto clamorosa pista? (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Maddie McCann, la bambina inglese scomparsa dieci anni fa mentre era in vacanza in Portogallo con i genitori, potrebbe essere stata rapita e poi venduta. Il caso è stato trattato oggi da La Vita in Diretta. Si torna a lavorare sulla pista del rapimento, ma la nuova ipotesi è che i responsabili siano trafficanti di minori, i quali l’avrebbero poi ceduta ad una ricca famiglia del Nord Africa. Questi criminali avrebbero operato all’estremità orientale dell’Africa, cioè tra il Marocco e la Mauritania. Ci sono segnalazioni, riportate da un detective che in passato ha lavorato per Scotland Yard, di testimoni lungo una delle rotte che portano a Marrakesh. Qui tra l’altro, proprio all’avvio delle indagini, la piccola Maddie fu riconosciuta da una turista norvegese, che l’aveva vista in compagnia di un uomo, forse inglese, in una stazione di benzina.

La donna ha raccontato che la bimba avrebbe chiesto all’uomo se poteva vedere la sua mamma. La presenza della piccola è stata poi segnalata in un hotel a poca distanza dalla stazione di Marrakesh, ma sarebbe stata avvistata anche nel porto di Tangeri e a Zaio, in Marocco. Analizzando queste testimonianze e molte altre raccolte, gli inquirenti sono giunti ad ipotizzare che Maddie McCann sia stata rapita e venduta a una ricca famiglia nordafricana o medio-orientale. Non si esclude neppure l’eventualità che la bambina sia stata fatta sparire con la complicità di qualcuno del resort dove i genitori erano in vacanza. Di conseguenza, per la famiglia McCann si riaccendono le speranze di ritrovare in vita la piccola Maddie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori