GIORGIO GUAZZALOCA / È morto l’ex sindaco di Bologna, primo cittadino non comunista nella storia della città

- Emanuela Longo

Giorgio Guazzaloca, ultime news: è morto l’ex sindaco di Bologna, primo cittadino non comunista nella storia della città. Aveva 73 anni, sconfitto da una lunga malattia.

giorgio_guazzaloca_ansa_01
Giorgio Guazzaloca (Fonte foto Ansa)

Lutto nel mondo della politica in seguito alla morte di Giorgio Guazzaloca, ex sindaco di Bologna. A darne notizia è l’edizione bolognese di Repubblica.it che ricorda come Guazzaloca abbia avuto un importante primato, quello di essere stato il primo cittadino non comunista nella storia della città. L’uomo è deceduto questa mattina presso l’ospedale Sant’Orsola, sconfitto da una malattia che lo aveva colpito da tempo. La conferma è giunta tramite il social network Facebook da parte di Alberto Vannini, amico di vecchia data di Giorgio Guazzaloca e che fu consigliere comunale del movimento di centrodestra “La tua Bologna”, a sostegno dell’ex sindaco morto: “Mi è stata comunicata in questo istante una tristissima notizia è deceduto Giorgio Guazzaloca con grande amarezza esprimo le mie più sentite condoglianze alla sua famiglia e a quanti gli hanno voluto bene”.

Giorgio Guazzaloca, primo e solo sindaco di Bologna che non rappresentò la sinistra dal dopoguerra ad oggi, fu eletto nel 1999, vincendo l’arduo ballottaggio contro Silvia Bartolini, candidata per la sinistra. In quell’occasione Guazzaloca aveva ottenuto tutto il sostegno dei partiti di centrodestra e restò alla carica di sindaco per un solo mandato, poi sconfitto cinque anni dopo da Sergio Cofferati nel 2004. Nel 2009 aveva ritentato la sua candidatura a sindaco contro Flavio Delbono e Alfredo Cazzola con un movimento civico ma anche in quell’occasione non fu eletto. Amico e da sempre vicino al ministro Gianluca Galletti che fu suo assessore al Bilancio a Bologna, Guazzaloca si è spento oggi, all’età di 73 anni, sconfitto da una brutta malattia che lo aveva colpito da tempo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori