LUCA MATARAZZO/ Ingegnere napoletano latitante: si nasconde a Dubai? (Chi l’ha visto)

- Dario D'Angelo

Luca Matarazzo: l’ingegnere napoletano accusato dell’omicidio del fratello Vittorio è latitante dal 21 dicembre 2016. Si nasconde a Dubai? (Chi l’ha visto, oggi 26 aprile)

incidente_omicidio_carabinieri_1_lapresse_2017
LaPresse

Che fine ha fatto Luca Matarazzo, l’ingegnere napoletano 36enne, latitante dal 21 dicembre 2016? Se lo chiede anche la trasmissione Chi l’ha visto? dopo l’omicidio del fratello Vittorio, ucciso il 28 novembre con decine di coltellate e una ferocia indescrivibile davanti casa. Con ogni probabilità era stata l’insistenza della vittima, desideroso di andare a fondo nel capire le circostanze della morte del padre Lucio, scomparso a 81 anni nel 2013, a muovere la mano del killer. Vittorio era certo che il patriarca non fosse morto per cause naturali: la posizione rannicchiata in cui era stato ritrovato per terra nel suo appartamento non lo convinceva. Come riportato da La Stampa, Vittorio ripeteva:”Mio padre Lucio è stato ucciso e io potrei fare la stessa fine. Ho alzato un tale polverone che adesso vogliono ammazzare anche me. Ci proveranno sicuramente, ma io voglio giustizia per mio padre e non avrò pace fino a quando non vedrò il colpevole sotto processo”. Forse Luca aveva qualcosa da temere, forse l’eredità del padre gli faceva talmente gola da pensare di eliminarlo, e quel fratello così insistente e troppo simile al padre – ligio al dovere e di successo nel campo lavorativo a differenza sua – rappresentava un ostacolo da eliminare. Per questo motivo, Luca è stato iscritto nel regristro degli indagati come atto dovuto anche per la morte del padre. A tal proposito è stata disposta la riesumazione del corpo, ma indiscrezioni riportate da La Repubblica fanno sapere che sia impossibile determinare le cause del decesso di Lucio Matarazzo.

Nel frattempo ci si chiede dove sia finito Luca Matarazzo, che da quel giorno di dicembre è irreperibile nonostante sia destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio premeditato e penda su di lui un mandato di cattura internazionale. Come riferisce Il Mattino, nessuno crede che possa aver fatto tutto da solo: l’ingegnere non navigava nell’oro e qualche amico o parente deve per forza di cose avergli fornito un nascondiglio, almeno temporaneo, un supporto logistico in attesa di sparire nel nulla. Alcune voci lo collocano a Dubai: un’inviata di Chi l’ha visto? è partita con l’intenzione di trovarlo. Quali novità emergeranno nel corso della puntata? 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori