TROPPO GRASSO, NON TI OPERO/ Sanità impazzita contro obesi e fumatori: “vita sana o non li curiamo”

- Dario D'Angelo

Troppo grassi per l’intervento in Inghilterra: una campagna del servizio sanitario nazionale penalizza obesi e fumatori. Chi non cambia stile di vita perde posti nelle liste d’attesa.

porta_ospedale_pixabay
Ospedale (Pixabay)

Avete qualche kg di troppo? Siete fumatori? Vi conviene evitare di recarvi nella regione di Vale of York, nel Nord dell’Inghilterra: non sia mai che abbiate bisogno di una protesi del ginocchio o dell’anca, il servizio nazionale inglese vi penalizzerà, nella speranza di convincervi ad adottare uno stile di vita migliore. A riportarlo è La Verità, il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, secondo cui la campagna del NHS sta allo stesso tempo facendo scoppiare le polemiche da parte della popolazione oggetto della discriminazione, e riscuotendo consensi tra medici e addetti ai lavori. Il ragionamento di chi ha sperimentato la campagna è il seguente: chi è obeso o è dipendente dal fumo incontrerà maggiori rischi durante e dopo l’operazione rispetto a chi invece è sano come un pesce. Per questo motivo, meglio dare spazio a chi ha maggiori possibilità di stare bene. Un ragionamento per certi versi logico, che però ha costretto un inglese su 5 a rinviare il proprio intervento.

Sì, perché il servizio sanitario inglese una possibilità la offrirebbe pure: le persone con un BMI (indice di massa corporea) di almeno 30 vengono invitate a dimagrire di almeno il 10%; quelle dipendenti dal tabacco a dimostrare di poter rinunciare al vizio della sigaretta nei due mesi precedenti all’operazione. Peccato che non tutti ce la facciano e in questi casi l’entrata in sala operatoria venga rinviato di ben dodici mesi. Un anno di castigo, insomma, che male fa al paziente e bene alle casse del servizio nazionale inglese, costretto a fare i conti con una situazione allarmante, che secondo alcune stime nel 2050 vedrà il 60% degli adulti e il 25% dei bambini gravemente sovrappeso. La volonta del NHS è quella di estendere la sperimentazione ad altre aree nel biennio 2017-2019, visti i risultati di risparmio osservati in Vale of York. Chissà se per quella data, avremo più pazienti in perfetta forma o semplicemente meno pazienti…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori