UCCIDE LA FIGLIA E SI SUICIDA IN DIRETTA FACEBOOK/ Video shock è virale prima della rimozione

- Silvana Palazzo

Uccide la figlia e si suicida in diretta Facebook: Thailandia sotto shock, video virale prima della rimozione. Le ultime notizie sul caso che sta scandalizzano il mondo intero

uomo_uccide_figlio_facebook_thailandia_web_2017
Uccide la figlia e si suicida in diretta Facebook

Un caso di omicidio-suicidio sta scandalizzando la Thailandia, dove un padre in diretta live su Facebook ha ucciso la figlia e poi si è tolto la vita. La polizia ha trovato i due cadaveri nell’ex hotel Peninsula, a Phuket. A denunciare l’esistenza del macabro video è stata la moglie dell’uomo, che ha raccontato di aver avuto uno screzio con il coniuge. Wuttisan Wongtalay, dunque, avrebbe ucciso la figlia di 11 mesi, di nome Beta, e si sarebbe poi ammazzato qualche ora dopo la lite con la moglie, registrando tutto su Facebook. Il video è rimasto diverse ore in rete prima di essere cancellato: è stato ripetutamente condiviso, arrivando a quota 258mila visualizzazioni. Trasmesso alle 17.45 di ieri su Facebook Live, il video è stato rimosso dal social network solo nel tardo pomeriggio di oggi. Nel frattempo, però, era stato pubblicato pure su Youtube, dove è stato rimosso grazie alla segnalazione della Bbc. l video è diventato virale, scatenando diverse polemiche. Un’emittente televisiva l’ha addirittura rilanciato, sfocando il volto della bambina, ma facendo sentire il pianto.

La scena straziante è durata oltre quattro minuti: l’uomo ha stretto attorno al collo della figlia di 11 mesi la corda, poi l’ha lasciata penzolare nel vuoto. Il pianto della piccola è stato breve prima dell’ultimo respiro. Il padre si è poi impiccato a sua volta, ma non ha trasmesso il suo ultimo gesto. La moglie, Jiranuch Trirat, ha allertato la polizia dell’esistenza del video, che le era stato segnalato dal fratello maggiore. Secondo una prima ricostruzione, i due coniugi avrebbero avuto una lite la notte precedente a causa della gelosia di Wuttisan Wongtalay, il quale aveva controllato il telefonino della moglie temendo che l’avesse tradito. Il marito ha minacciato di ucciderla, quindi lei è fuggita di casa, lasciando però la bambina. Secondo la Bbc, Facebook ha inviato alla famiglia della bambina un messaggio di condoglianze. Non si tratta comunque del primo caso di violenza trasmesso con la funzione Live di Facebook. Pochi giorni fa in Ohio un uomo aveva sparato ad un passato di 74 anni uccidendolo in diretta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori