TERREMOTO OGGI/ Ingv, ultime scosse: Macerata, sisma M 2.8 a Visso (28 aprile 2017, ora 18.40)

- Morgan K. Barraco

Terremoto oggi, ultime scosse in provincia di Macerata (doppio M 4.0 nella notte). Maltempo in arrivo per una perturbazione fino a lunedì in tutte le regioni di Italia

terremoto_04_pixabay
Immagini di repertorio (foto da Pixabay)

Dopo le forti scosse di questa notte, l’attività sismica nel Centro Italia e in particolare nelle Marche torna alla normalità. L’attenzione, però, resta alta, in particolare da parte della Sala Sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), che non smette di monitorare la situazione. E, infatti, alle 18:12 ha registrato una scossa di terremoto avvenuta in provincia di Macerata. Il sisma è stato di magnitudo ML 2.8 sulla Scala Richter. L’epicentro è stato individuato a latitudine 42.95, longitudine 13.04 e ad una profondità di 9 chilometri. I Comuni entro i 10 chilometri dall’epicentro del terremoto di oggi sono Visso (MC), Monte Cavallo (MC), Preci (PG), Ussita (MC), Pieve Torina (MC) e Fiordimonte (MC). Alle 18:01, invece, un terremoto di magnitudo ML 1.8 è avvenuto nel Lazio e più precisamente in provincia di Rieti. Il Comune più vicino all’epicentro di questo terremoto è stato Accumoli. (agg. di Silvana Palazzo)

La scossa di terremoto giunta alle ore 15.07 nel centro di rilevazione nazionale INGV non ha per fortuna avuto alcuna conseguenza negativa: situata presso la provincia di Macerata, è ancora una volta una scossa appartenente allo sciame sismico in corso nel centro Italia da ormai 8 mesi. Ipocentro calcolato a circa 9 km sotto il livello del terreno, mentre l’epicentro è stato prodotto e individuato presso i comuni di Monte Cavallo, Visto, Pieve Torina, Fiordimonte, Ussita, Pievebovigliana, Preci, Fiastra, Muccia, Acquacanina, Castelsantangelo sul Nera, Serravalle di Chienti, Sellano, Bolognola, Camerino. Non ci sono danni registrati, per fortuna, anche se l’emergenza delle ultime 18 ore ha riacceso i timori attorno alle province di Macerata e L’Aquila, come rilevano le frequenti scosse di terremoto – anche se di bassa entità di magnitudo – ancora in queste ore. (agg. di Niccolò Magnani)

Il terremoto scatenato nella notte appena passata a Macerata vede ancora altre scosse di minore intensità giungere fino a questa mattina, con lo sciame sismico che attenua la sua intensità ma non la sua frequenza di scosse. Alle ore 6.33 nuovo terremoto in zona Maceratese, con l’INGV che è riuscita a calcolare la magnitudo, M 2.1 Richter, l’ipocentro ad una profondità di 8 km sotto il livello del terreno e un epicentro invece prodotto presso i seguenti comuni a nord-ovest di Macerata. Visto, Monte Cavallo, Ussita, Preci (Pg), Fiordimonte, Pieve Torina, Castelsantangelo sul Nera, Sellano (Pg), Pievebovigliana, Fiastra, Acquacanina, Muccia, Serravalle di Chienti, Bolognola, Cerreto di Spoleto (Pg), Norcia (Pg). Non ci sono danni per fortuna, anche se i timori per le popolazioni del centro Italia restano alti dopo l’improvvisa nuova ondata sismica delle ultime 18 ore. (agg. di Niccolò Magnani)

Prosegue la paura in centro Italia dopo la scorsa notte passata di nuovo con l’incubo terremoto – in seguito alle due scosse consecutive di grado M 4.0 in provincia di Macerata – che non ha generato danni ma numerose segnalazioni di tremori nel terreno e i piani alti della case, temendo di nuovo il peggio dopo gli scorsi mesi passati con l’incubo di nuove tragedie tra L’Aquila, Macerata, Perugia e Ascoli Piceno. Questa prima mattina, con la scossa di M 3.4 a Pizzoli, in provincia di L’Aquila anche l’Abruzzo rientra nello sciame sismico molto costante che ha visto alzarsi nelle ultime 10 ore il livello e la frequenza delle scosse di magnitudo. Ipocentro calcolato a circa 13 km sotto il livello del terreno, mentre l’epicentro è stato individuato dal centro nazionale INGV presso i comuni di Pizzoli, Barete, Capitignano, Cagnano Amiterno, Montereale, Scoppito, Campotosto, L’Aquila, Crognaleto, Borbona, Lucoli, Tornimparte, Amatrice. (agg. di Niccolò Magnani)

Ancora terremoto in Cile, nell’isola offshore del Valparaiso. Il nuovo sisma di 3.2M è stato localizzato alle 00:13 a latitudine 33.02 e longitudine 72.13, ipocentro a 23 km di profondità. L’ultimo fenomento del sottosuolo risale invece alle 23:27, quando la regione dell’Oman è stata colpita da una scossa di 4.9M. L’epicentro è stato individuato a latitudine 22.92 e longitudine 60.75, ipocentro a 10 km di profondità. Per quanto riguarda l’Italia, l’ultima scossa riguarda la provincia di Macerata. Un nuovo sisma di 2.2M ha colpito un punto a 4 km da Visso, a latitudine 42.96 e longitudine 13.05. Lo stesso punto è stato colpito anche alle 23:23 da un sisma di 2.0M. Coinvolte anche Monte Cavallo, Ussita, Preci, Fiordimonte, Pieve Torina, Castelsantangelo sul Nera, Pievebovigliana, Sellano, Fiastra, Acquacanina, Muccia, Bolognola, Serravalle di Chienti, Norcia e Cerreto di Spoleto.

L’Italia verrà colpita nelle prossime ore da una perturbazione che proviene dal Nord Atlantico. Le previsioni parlano di pioggia al CentroNord per tutta la mattinata, mentre il resto del giorno il fenomento atmosferico si attenuerà di molto. Sono previste infatti schiarite nelle regioni centrali e settentrionali. Il bollettino di Meteo.it prevede inoltre nuvole in aumento nella fascia notturna, mentre sabato sarà meno piovoso. La giornata di domenica vedrà invece abbassarsi le temperature in tutto il Paese, a causa della corrente di aria fredda collegata alla perturbazione. Il meteo si rivela invece positivo per il Sud nella giornata di lunedì, dove sarà presente il sole per la maggior parte del tempo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori