DANIELE POTENZONI/ Scomparso a Roma nel 2015: gli auguri del padre, “Buon compleanno figlio mio”

- Silvana Palazzo

Daniele Potenzoni, scomparso a Roma nel 2015: il giallo non è stato ancora risolto. Gli auguri del padre in una lettera commovente pubblicata su Facebook: “Buon compleanno figlio mio”

daniele_potenzoni_chi_lha_visto
Daniele Potenzoni (da Chi l'ha visto?)

Non è stato ancora risolto il giallo relativo alla scomparsa di Daniele Potenzoni, il giovane autistico che non è più tornato dalla gita per partecipare all’udienza del pontefice. Partito da Milano con altri pazienti, è scomparso il 10 giugno del 2015 nel nulla. La vicenda è tornata d’attualità per l’appello toccante della famiglia: il papà, che in questi anni ha verificato anche personalmente le segnalazioni ricevute da Roma, ha scritto una lettera commovente al figlio che non è più tornato. Oggi Daniele Potenzoni compie 38 anni, se è ancora in vita. Ci spera il padre, il quale auspica che il primogenito abbia trovato rifugio da qualche parte, che qualcuno si sia preso cura di lui. «Sono giorni, anni ormai che il mio primo pensiero della giornata ed ultimo, sei tu: figlio mio, quanto mi manchi! 38 anni fa gioivo per la tua nascita ed invece ora.. .Non sei più accanto a me, a tua madre, ai tuoi fratelli…», ha scritto Francesco Potenzoni su Facebook. 

Nelle prime righe della lettera pubblicata da Francesco Potenzoni c’è tutto il rimpianto di un genitore orfano. Il testo è stato pubblicato su Facebook dall’operaio, legato alla moglie Rita e ai suoi tre figli maschi. «Caro Daniele, chissà se qualcuno ti preparerà una torta come faceva tua madre a ogni tuo compleanno; chissà se riceverai qualche regalino… Io sogno di si! Io sogno che tu stia bene, con persone che ti vogliono bene e ti coccolano…», ha esordito il padre del ragazzo scomparso, raccontando che il suo cuore si è spezzato il giorno in cui non ha più avuto notizie di suo figlio. Ora non può fare altro che indossare una maschera per andare avanti nella quotidianità. Vane, come riportato da Fabrizio Peronaci del Corriere della Sera, le ricerche finora. E il padre di Daniele Potenzoni non può che essere distrutto per questo. «Niente mi farà tornare quello che ero, un uomo felice con la sua famiglia. Niente se non il tuo ritorno a casa, Daniele! Io lo sogno. Ogni notte! Ti ritroverò amore mio e ti riporterò a casa da tua madre e dai tuoi fratelli. Spero tu sia felice… Almeno il giorno del tuo compleanno…». Non può che sognare in questo giorno diventato triste: «Felice compleanno figlio mio. Con affetto, tuo padre», conclude Francesco Potenzoni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori