DAVIDE VANNONI RICOVERATO/ Malore in carcere per l’inventore del metodo Stamina: “Ha seri problemi di salute”

- Silvana Palazzo

Davide Vannoni ricoverato: malore in carcere per l’inventore del metodo Stamina. L’avvocato Cataliotti: “Ha seri problemi di salute”. L’interrogatorio verrà rinviato? Le ultime notizie

davide_vannoni_stamina_lapresse_2014
Davide Vannoni (foto da Lapresse)

Malore in cella per Davide Vannoni, che è stato subito trasportato all’ospedale Maria Vittoria. Finito nel carcere delle Vallette, a Torino, dopo essere stato fermato dai carabinieri del Nas per una nuova inchiesta sul metodo Stamina, avrebbe avuto un blocco renale. Il legale di Vannoni all’Adnkronos ha rivelato che il suo assistito ha seri problemi di salute: «Durante l’interrogatorio di garanzia avevamo segnalato che le sue condizioni di salute non sono buone ma purtroppo non abbiamo potuto fornire la documentazione e la visita fatta in carcere non ha evidenziato un malessere incompatibile con il carcere», ha dichiarato l’avvocato Liborio Cataliotti, secondo cui il problema potrebbe essersi acuito. Non è comunque riuscito a mettersi in contatto con lui: «Riproverò a farlo domani». Già condannato dal tribunale di Torino, Davide Vannoni è indagato per associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla somministrazione di farmaci pericolosi. 

Non si hanno notizie precise sulle condizioni di salute di Davide Vannoni, vittima di un malore, ma intanto il suo avvocato ha annunciato che martedì farà ricorso al tribunale del Riesame contro la decisione del giudice, che aveva confermato il carcere per l’inventore del metodo Stamina. «Siamo convinti che ci sia un difetto di giurisdizione perché la condotta illecita, che oltretutto in Georgia non è tale, avveniva là e non qua, poi secondo noi i reati non sono stati commessi a Torino e non si capisce perché sia la procura di Torino a indagare visto ce qua non è mai stato fatto nulla», ha spiegato l’avvocato Liborio Cataliotti. Nei giorni scorsi i pm Vincenzo Pacileo e Alessandro Aghemo hanno però dato un’accelerata all’inchiesta per la quale Davide Vannoni e altri sei indagati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla somministrazione di farmaci pericolosi per aver esportato Stamina nell’est Europa per sfuggire ai divieti italiani. Verranno ascoltate vittime e indagati, ma ora non è chiaro se potrà essere interrogato anche Davide Vannoni, a causa delle sue condizioni di salute.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori