Terremoto oggi/ Ingv, ultime scosse: Toscana, sisma M 2.1 a Siena (4 aprile 2017, ora 17:15)

- Morgan K. Barraco

INGV, terremoto oggi: sisma M 1.4 ad Arquata del Tronto; scossa di 3.8M in Cile, nell’isola di Antofagasta. Tempo instabile fino a giovedì, miglioramento nel fine settimana (4 aprile 2017)

macerie_terremoto_pixabay_2017
Terremoto oggi nelle Marche

Pure la Toscana è stata interessata da una scossa di terremoto oggi. Secondo i dati del report dell’Ingv, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia che monitoria in tempo reale la situazione del nostro territorio dal punto di vista sismico, la scossa si è verificata a 6 km a sud di Radicondoli, in provincia di Siena. Si è trattato di una scossa di terremoto magnitudo 2.1 sulla scala Richter. Il sisma è stato rilevato alle ore 16:44:16 con queste coordinate geografiche: latitudine 43.21, longitudine 11.04 e ipocentro a una profondità di 5 km. Oltre a Radicondoli sono questi gli altri comuni che si trovano entro 20 km dall’epicentro del sisma: Chiusdino SI Montieri GR Castelnuovo di Val di Cecina PI Monticiano SI Casole d’Elsa SI Monterotondo Marittimo GR Sovicille SI Pomarance PI. (aggiornamento di Stefania La Malfa)

C’è stata un’altra scossa di terremoto in provincia di Macerata a due chilometri sud-est dal comune di Visso. La scossa è avvenuta per 2.8 Magnitudo alle ore 16.03. L’Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia ha sottolineato come il terremoto si sia verificato alle seguenti coordinate: 42.92 latitudine, 13.11 longitudine. L’ipocentro della scossa invece è stato rilevato a undici chilometri di profondità dalla superficie terrestre. Andiamo a vedere i comuni nel raggio di venti chilometri dall’epicentro: Visso (MC); Ussita (MC); Castelsantangelo sul Nera (MC); Preci (PG); Monte Cavallo (MC); Bolognola (MC); Fiordimonte (MC); Norcia (PG); Acquacanina (MC); Fiastra (MC); Sellano (PG); Pieve Torina (MC); Pievebovigliana (MC); Montemonaco (AP); Cerreto di Spoleto (PG); Montefortino (FM); Muccia (MC) e Montegallo (AP). (agg. di Matteo Fantozzi)

Poco fa una scossa di terremoto è avvenuta nelle Marche, in provincia di Ascoli Piceno: stando ai dati forniti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), il sisma è avvenuto alle 15.01 ed è stato di magnitudo M 1.4 sulla Scala Richter, quindi di lieve entità. L’epicentro del terremoto è stato individuato a latitudine 42.78, longitudine 13.24 e ad una profondità di 12 chilometri. Insieme alle coordinate geografiche sono stati forniti anche i nomi dei Comuni entro i 20 chilometri dall’epicentro del terremoto: Arquata del Tronto (AP), Accumoli (RI), Montegallo (AP), Norcia (PG), Acquasanta Terme (AP), Castelsantangelo sul Nera (MC), Montemonaco (AP), Amatrice (RI), Cittareale (RI), Cascia (PG) e Preci (PG). Nove minuti prima, invece, una scossa di terremoto è avvenuta in provincia di Macerata e più precisamente vicino Fiordimonte. Il sisma è stato di magnitudo M 1.8: anche questo fortunatamente è stato di bassa intensità. (agg. di Silvana Palazzo)

Scosse di terremoto oggi sono state rilevate dall’Ingv non solo nelle regioni del centro Italia già coinvolte negli scorsi mesi dai sismi che hanno provocato distruzione e morti. Un sisma è stato infatti rilevato dalla sala sismica di Roma dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia anche in Basilicata. Il terremoto registrato oggi si è verificato a Matera. Secondo i dati del report dell’Ingv la scossa di terremoto è avvenuta con una magnitudo 1.8 sulla scala Richter: il sisma è stato registrato a 5 km a sud di Matera alle ore 10:19:25. Queste le coordinate geografiche di questa scossa: latitudine 40.62, longitudine 16.6 e ipocentro a una profondità di 33 km. I comuni che si trovano entro 20 km dall’epicentro del sisma sono i seguenti: Montescaglioso MT Miglionico MT Pomarico MT Ginosa TA Laterza TA Grottole MT Ferrandina MT.(aggiornamento di Stefania La Malfa)

Una scossa di terremoto oggi è stata rilevata dall’Ingv anche in Umbria, in provincia di Perugia. La sala sismica di Roma dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha infatti registrato un sisma di magnitudo 1.6 sulla scala Richter a 4 km a est di Norcia, in provincia di Perugia. Questa scossa di terremoto è avvenuta, secondo i dati del report, alle ore 08:58:13 con queste coordinate geografiche: latitudine 42.81, longitudine 13.14 e ipocentro a una profondità di 10 km. Oltre a Norcia sono vari i comuni che si trovano entro 20 km dall’epicentro di questo sisma. Ecco quali sono: Castelsantangelo sul Nera MC Preci PG Arquata del Tronto AP Cascia PG Visso MC Ussita MC Accumoli RI Montegallo AP Cerreto di Spoleto PG Montemonaco AP Sellano PG Poggiodomo PG. (aggiornamento di Stefania La Malfa)

Un terremoto di magnitudo 2.6 sulla scala Richter si è verificato alle ore 5:11 di oggi, martedì 4 aprile 2017, in provincia di Ascoli Piceno. A riferirlo è l’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), sottolineando come il sisma abbia visto il proprio epicentro a 3 km dal comune di Arquata del Tronto. Il terremoto ha avuto origine nel punto di coordinate geografiche corrispondente a latitudine 42.76 e longitudine 13.27, con ipocentro individuato ad una profondità nel sottosuolo di 12 km. Questo l’elenco completo dei comuni situati nel raggio di 20 km dall’origine del sisma: Arquata del Tronto (AP), Accumoli (RI), Montegallo (AP), Acquasanta Terme (AP), Amatrice (RI), Norcia (PG), Montemonaco (AP), Cittareale (RI), Castelsantangelo sul Nera (MC) e Valle Castellana (TE). (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Nelle prime ore di oggi, martedì 4 aprile 2017, non si evidenziano particolari criticità dal punto di vista sismico superiori ai 2.0M. L’ultimo sisma avvenuto in Italia, infatti, è delle 00:09, pari a 1.6M, avvenuto a Norcia, in provincia di Perugia. Apparentemente tranquilla anche la situazione nel mondo, dove alle 23:44 è stato localizzato un sisma di 3.1M nell’isola offshore di Valparaiso, nel Cile, a latitudine 32.56 e longitudine 71.74. L’ipocentro è stato individuato invece a 32 km di profondità. Alle 22:26 è stata invece colpito il paradiso fiscale di Antofagasta, sempre in Cile, da una scossa di 3.8M rilevata a latitudine 22.76 e longitudine 70.34, ipocentro a 43 km di profondità. Sul versante italiano, l’ultimo episodio risale invece alle 21:51, quando una scossa di 2.1M ha colpito l’area nelle vicinanze di Amatrice, in provincia di Rieti. Il Centro Nazionale Terremoti ha individuato l’epicentro a latitudine 42.61 e longitudine 13.23, ipocentro a 10 km di profondità. Coinvolte anche Cittareale, Accumoli, Montereale, Capitignano, Campotosto, Borbona, Posta, Cagnano Amiterno, Barete e Arquata del Tronto.

Peggioramento nei prossimi giorni dal punto di vista meteo, mentre in miglioramento nel fine settimana. Il bollettino prevede tempo instabile nelle regioni del CentroSud fino alla giornata del prossimo giovedì, con una maggiore concentrazione di temporali e rovesci nel pomeriggio. Nella mattinata di oggi e fino a domani, previsto invece un transito temporalesco che da Est si sposterà verso Ovest. Interessate in particolare la Puglia, settore meridionale, Calabria e Sicilia, mentre le Alpi orientali potrebbero essere colpite da acquazzoni isolati. Maggiore l’instabilità invece nella fascia pomeridiana, quando temporali e rovesci colpiranno la Sardegna, quadrante meridionale, il Lazio, la Sicilia ed il Sud in generale, così come il Triveneto, la Lombardia e le zone interne delle regioni del Centro. Le previsioni di Meteo.it prevedono invece un aumento delle temperature in Sardegna e medio Adriatico, mentre il NordOvest sarà interessato da un calo delle massime.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori