FESTA DELLA MAMMA/ La madre “Wonder Woman” dal terremoto di Norcia alla “casetta”, storia di Benedetta

- Emanuela Longo

Mamme eccezionali, la storia di Benedetta Bianconi, madre di 4 bambini e sopravvissuta insieme alla sua famiglia al drammatico terremoto di Norcia dello scorso agosto.

bambino_felice_sorriso_wikipedia_2017
La giornata mondiale del sorriso

Nel giorno della Festa della mamma, emergono le storie di madri eccezionali, donne fuori dal comune, le quali hanno dimostrato tutta la loro forza, il coraggio e la determinazione anche di fronte ad eventi difficili. Sono madri che non nascondono le difficoltà ma che sono riuscite con enormi sacrifici a trasmettere la serenità ai propri figli, come nel caso di Benedetta Bianconi, 42enne di Norcia, mamma coraggio e cameriera. Benedetta è solo una delle numerose donne che ha vissuto il dramma del terremoto distruttivo dello scorso 24 agosto e che ha messo in ginocchio buona parte dell’Italia centrale. La donna ha scelto di raccontare la sua esperienza post sisma all’agenzia di stampa Ansa, alla quale ha asserito: “Dopo tutti questi mesi da sfollati e con quattro figli a cui badare, nel giorno della festa della mamma mi sento Wonder Woman”. Benedetta Bianconi è madre di 4 figli. Giada, la maggiore, ha appena 14 anni, c’è poi Giorgia, 13 anni, ed ancora Antonio che di anni ne ha 10, infine Sergio, di appena 9 mesi. Poi c’è Salvatore, marito di Benedetta e che con lei ed i bambini ha assistito al dramma di vedere la propria casa sbriciolarsi sotto le scosse del terribile sisma.

La loro casa è tra le abitazioni crollate e Benedetta ricorda bene il momento in cui i calcinacci arrivarono a ricoprire addirittura la culla del figlio più piccolo, che all’epoca aveva appena 12 giorni, “tanto che pensai che fosse morto”, ha dichiarato. Nei giorni successivi al sisma, l’intera famiglia di Benedetta trovò ospitalità dalla madre della 44enne, poi presso l’hotel Grotte Azzurra. “Ma con la scossa del 30 ottobre fummo costretti a scappare al lago Trasimeno”, racconta la mamma “Wonder Woman”. Oggi insieme alla sua famiglia ha fatto ritorno a Norcia, dove la vita è ricominciata da zero. “Ci hanno assegnato una casetta nella zona industriale e qui stiamo bene, anche se i mesi trascorsi sono stati tanto duri”, ha aggiunto la mamma coraggio, in una delle sue brevi pause mentre lavora come cameriera.    



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori