Paolo Catanzaro è Sveva Cardinale/ Video, il mistico senza scrupoli che simulava miracoli, ora è una donna

- Dario D'Angelo

Paolo Catanzaro e Sveva Cardinale: la storia del sedicente mistico che prometteva miracoli in cambio di soldi e ora tenta la carriera da showgirl dopo essere diventata donna. (Le Iene Show)

paolo_catanzaro_sveva_cardinale_le-iene
Paola Catanzaro, il caso Sveva a Le Iene Show

Ha dell’incredibile la storia di Paolo Catanzaro, il sedicente mistico di Uggio che prometteva grazie e miracoli alla sua folta schiera di seguaci in cambio di bonifici, diventato la showgirl Sveva Cardinale dopo essersi sottoposto ad un’operazione per diventare donna. A raccontarla è stato il programma di Italia Uno, Le Iene Show, che attraverso le testimonianze di alcuni dei suoi “fedeli” protetti dall’anonimato ha ripercorso le tappe di una vicenda che ha davvero del paradossale. Il finto veggente Paolo Catanzaro era un ragazzo che diceva di vedere la Madonna e avere delle apparizioni: mentre pregava dalle sue mani appariva l’ostia, un’altra volta svenne e cominciò a sanguinare sulla fronte riproponendo il fenomeno dell’incoronazione di spine. Paolo voleva convincere i suoi interlocutori dei propri poteri: per farlo diceva ad esempio che con l’olio che trasudava dal suo corpo si potevano guarire i malati: in breve tempo erano in molti a ritenerlo una divinità. Tutto a dispetto del Vaticano, che pure aveva messo in guardia da quanto accadeva ad Uggio, ma non riusciva a impedire che Paolo continuasse i suoi incontri a scopo di lucro, motivati dalla necessità di “salvare il mondo” innalzando delle croci. Paolo chiedeva anche 3000-4000 euro al mese: tutto avveniva sotto la luce del sole, con regolari assegni bancari. Se qualcuno iniziava ad avere dubbi, Paolo provava ad accalappiarlo nuovamente raccontando nuovi presunti miracoli. Giocando sulla difficoltà dei suoi interlocutori, Paolo chiedeva a tutti i suoi fedeli di non parlare tra  di loro e gli somministrava delle gocce a base di benzodiazepine che contribuivano a rendere i “fedeli” molto condizionabili portandoli ad uno stato pressoché di ipnosi. Il 2009 fu il suo anno d’oro: ad una coppia che non riusciva ad avere digli, disse che a partorire due gemelli per loro sarebbe stato lui, all’epoca un uomo. Ai genitori disse che quei bambini dovevano essere però portati subito a Fatima: come li convinse della loro esistenza? Inviando di tanto in tanto le foto dei due nipoti di una sua complice.

Anche lei credeva nei suoi poteri e da complice rimase vittima del truffatore: una volta incinta, infatti, Paolo le disse che il bambino che portava in grembo era down perché glielo aveva detto la Madonna, e che sarebbe stata una mamma egoista se lo avesse messo al mondo. La donna decise così di abortire a dispetto del parere dei medici che le assicuravano che invece il bambino era sanissimo. Dopo oltre dieci anni, però, i seguaci di Paolo Catanzaro si svegliano e capiscono di essere stati vittime di una truffa senza precedenti. L’unica ad averlo denunciato è una donna che per far guarire il padre versò in tutto 600mila euro al finto mistico. La chiesetta di Uggio oggi è totalmente abbandonata. Ma che fine ha fatto Paolo? Nel 2014 è diventato una donna: Sveva Cardinale. Adesso è protagonista di diverse ospitate in tv, dove dice di essersi sempre dedicata agli altri. Le Iene, per incastrarle, hanno organizzato un finto provino: Sveva si descrive come “determinata, felice, solare”, è una donna “che non rinuncia più a nulla per se stessa. In passato frequentavo la Chiesa, ma pensavo più a dare gioia agli altri”, dice senza vergogna”. Messa alle strette dall’inviata del programma di Italia Uno, Sveva si difenda e non mostra pentimento alcuno:”Io credo di aver dato soltanto e basta. Io non ho convinto nessuno ad abortire. I gemelli? Questa è una storia tra me e lui, ma le sue sono calunnie. Io non mi sono fatta dare soldi per costruire delle croci per salvare il mondo. Il vescovo sulla base di alcune dicerie mi ha allontanata”. Insomma, Paolo Catanzaro alias Sveva Cardinale è convinto di essere nel giusto: ma neanche un miracolo potrà salvarlo un giorno dalla propria coscienza. Clicca qui per il video completo del servizio de Le Iene Show!



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori