Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: arresti alla Floursid del presidente del Cagliari (16 maggio 2017)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: (16 maggio 2017). Pesante accusa dagli Usa verso Assad. Sentenza della Cassazione sui migranti. Sarà Philippe il capo del nuovo governo francese.

polizia_scontri_g8_genova_1_lapresse_2001
Tap, scontri al cantiere e feriti con la Polizia - La Presse

La Floursid, azienda di cui è proprietario il presidente del Cagliari, Giulini, è sto inchiesta con le accuse i associazione a delinquere, inquinamento e disastro ambientale. Giulini non è tra gli inquisiti. Arrestati invece  Sandro Cossu, direttore sicurezza della Fluorsid, Marcello Pitzalis e Simone Nonnis di una azienda esterna, l’ingegner Alessio Farci, Michele Lavanga, direttore stabilimento Fluorsid, mentre ai domiciliari Armando Benvenuto Bollani, titolare di una ditta che lavora con l’azienda, e Giancarlo Lecis della Fluorsid mentre gli agenti del corpo forestale hanno sequestrato due aree dove sarebbero contenuti materiali inquinanti.

Una accusa pesantissima quella che l’esecutivo USA fa verso il dittatore siriano Assad. Il ras di Damasco è accusato da Stuart Jones assistente al segretario di stato, di operare esecuzioni di massa e distruggere i corpi degli oppositori in forni crematoi appositamente costruiti. L’accusa che a quanto detto dall’alto esponente dell’esecutivo è suffragata da prove satellitari, rappresenterebbe un nuovo passo verso quella crudeltà da sempre indicata dal presidente Trump, e porrebbe il dittatore amico di Putin molto vicino ai dittatori del passato. I corpi distrutti secondo Jones apparterebbero a oppositori del regime, oppositori che vengono giustiziati ad un regime di una cinquantina al giorno, all’interno del carcere militare di Saydnaya ubicato a una trentina di chilometri dalla capitale.

Sono i migranti che raggiungono il nostro paese a doversi uniformare alle leggi e ai regolamenti italiani, e a loro discolpa essi non possono portare siffatti “motivi religiosi”. Questo è a quanto è giunta la Cassazione deliberando sulla condanna di un cittadino indiano che era stato fermato dalle forze dell’ordine con un coltello la cui detenzione è permessa in India in quanto “sacro”. La sentenza è un punto di svolta nei rapporti tra legislazione italiana e straniera, e mette l’attenzione su come tutti coloro che entrano nel nostro paese devono seguire la legislazione nostrana. La vicenda si rifà al 2003 quando un cittadino proveniente dall’india era stato fermato con un arma bianca lunga oltre 20 centimetri, la condanna del tribunale era stata avversata dai difensori dell’indiano che avevano proposto ricorso in Cassazione.

All’indomani del suo insediamento Emanuel Macron ha scelto il nuovo capo del governo del paese transalpino. L’esecutivo sarà presieduto da Edouard Philippe un normanno di 46 anni che attualmente ricopre la carica di sindaco di La Havre. La scelta non fa altro che rafforzare il profilo “pro Europa”, che Macron vuole fornire al suo paese nei prossimi anni, essendo Edouard Philippe un acceso sostenitore dell’unione Europea. Come a sottolineare la sua volontà Macron immediatamente dopo la nomina del primo ministro è partito per Berlino, dove ha incontrato in un incontro bilaterale il cancelliere tedesco Merkel.

Dopo il Gp di Spagna è testa a testa tra Hamilton e Vettel separati da soli sei punti. Il ferrarista è in vantaggio ma il 28 maggio c’e’ il Gp di Montecarlo. Archiviato il rimpianto per la vittoria sfumata a Barcellona a Sebastian Vettel resta il giorno dopo il Gran Premio di Spagna qualcosa di più: la forza interiore di una consapevolezza , di una certezza ferrea che lo sorreggerà nella lotta per il titolo iridato. per la prima volta in carriera e in stagione il pilota tedesco ha duellato corpo a corpo con ruota a ruota uscendo dal secondo pit stop con Hamilton che sopraggiungeva lanciatissimo. Alla prima curva ha resistito all’attacco senza tentennamenti anche a rischio di una collisione spingendo l’aggressivo avversario fuori pista. Poi per sette giri ha tenuto Bottas e alla fine si è dovuto arrendere solo perchè Hamilton in quel momento aveva gomme più morbide e veloci.

Si gioca domani sera la finale di Coppa Italia Juventus-Lazio che è stata anticipata perché i bianconeri giocheranno la finale di Champions League il 3 giugno 2017 a Cardiff contro il Real Madrid. Sarà una gara importante per entrambe le squadre che cercano di fare punteggio pieno. I bianconeri sono reduci dal pesante ko sempre qui allo Stadio Olimpico contro la Roma e hanno rinviato alla settimana prossima la festa Scudetto. Invece dall’altra parte i biancocelesti sono quarti e vogliono provare a vincere una Coppa Italia importante per la morale e che riporterebbe a Roma un trofeo che manca da quattro anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori