ANGELA CELENTANO/ Celeste Ruiz: la foto rubata e il ‘raggiro’ per anni (Chi l’ha visto)

- Morgan K. Barraco

Angela Celentano continua ad essere al centro della cronaca e delle indagini. Quali piste sono state seguite al momento della scomparsa e dov’è finita la bambina? 

celeste_ruiz_angela_celentano_chilhavisto_cs_2017
Brissia, alias Celeste Ruiz

In merito al caso della scomparsa di Angela Celentano, nella puntata di Chi l’ha Visto in onda in prima serata sarà mostrato ai telespettatori un importantissimo documento esclusivo. Si tratta infatti della foto che era stata mostrata alla famiglia Celentano come nuova identità della piccola Angela ormai cresciuta. La ragazza, che nella foto evidenziava una somiglianza evidente con i tratti somatici della piccola Angela Celentano, era stata indicata con il nome di Celeste Ruiz. Si tratta però di un raggiro, visto che è stato poi assodato come si tratterebbe semplicemente di un furto d’identità. La foto apparteneva infatti ad una psicologa residente in Francia, ma di origine messicana, completamente all’oscuro della vicenda di Angela Celentano. La psicologa, una volta venuta a conoscenza del suo coinvolgimento, è venuta in Italia per sottoporsi alla prova del DNA e spazzare via ogni dubbio sulla sua identità. E Chi l’ha Visto questa sera mostrerà in esclusiva la foto utilizzata per raggirare la famiglia Celentano, anticipata qui a fianco durante la striscia quotidiana della trasmissione alle 12.25. (agg. di Fabio Belli)

Nella striscia quotidiana di Chi l’ha visto? che anticipa parte della puntata di questa sera su Rai3, il caso di Angela Celentano e della falsa Celeste Ruiz vengono affrontate con la schiettezza purtroppo delle ultime clamorose novità, “Celeste non è Angela Celentano”. Verrà proposta una intervista al ministro Orlando che ammette, “abbiamo fatto tutto il possibile, fatto pressioni al governo messicano per scoprire chi è davvero Celeste Ruiz, e così è avvenuto purtroppo con il risultato che ovviamente non soddisfa nessuno”. Angela rimane ancora senza un volto e senza un destino dopo quella tragica scomparsa 21 anni fa. Il ministro della Giustizia promette poi, “la procura continua le indagini e non finiscono certo qui le ricerche, faremo tutto in nostro potere per poter arrivare alla verità, la famiglia lo merita e lo aspetta ormai da tempo“. (agg. di Niccolò Magnani)

Angela Celentano. Un nome mai dimenticato e rimasto nel cuore degli italiani, a fronte di 21 anni dalla scomparsa, e spesso associato a quello di Celeste Ruiz. Solo le ultime indagini congiunte di Italia e Messico hanno potuto fare luce su parte del mistero. L’unico dato emerso per ora, infatti, riguarda la possibilità che Celeste Ruiz, il volto di colei che è stato associato negli anni a questo nome, non è Angela Celentano. Nonostante la svolta, le indagini dovranno ripartire da capo, da quanto è accaduto quel terribile giorno. Siamo nell’agosto del 1996, il giorno di San Lorenzo, quando Catello Celentano, la moglie e le tre figlie, Noemi, Angela e Rosanna, raggiungono il Monte Faito per partecipare alla festa annuale della comunità evangelica. Un pic-nic che si concluderà in modo tragico e che vedrà l’impegno immediato delle forze dell’ordine.

Data la giovane età della bambina, all’epoca di poco più di due anni, le autorità non escludono alcuna pista e ipotesi, scandagliando monti, boschi e persino le villette di Alberi, dove abitano i genitori di Angela Celentano. Si sospetta, infatti, che qualcuno possa averla rapita o possa averle fatto del male. Viene impiegato anche un elicottero per il rilevamento termico, ricorda Il Messaggero, ma si risolve tutto con un buco nell’acqua. Rimane solo l’amara realtà: Angela Celentano è scomparsa. 

Nei giorni seguenti, gli inquirenti sottopongono i familiari della bambina e i conoscenti ad interrogatori, confronti e intercettazioni. In particolare verrà esaminata una conversazione avuta fra una coppia di genitori e due figli adolescenti, in cui i primi sottolineano che “è meglio tacere”. Quest’ultima famiglia verrà poi denunciata per istigazione al favoreggiamento. E ancora, si cercano possibili testimoni e qualcosa sembra emergere.

Qualcuno, giorni dopo la scomparsa di Angela Celentano, rivelano di aver visto due uomini nelle vicinanze del monte Faito, a bordo di una macchina. Uno dei due aveva il codino. Ed emerge un altro particolare strano, quello che verrà noto negli anni come la predizione di Rosa, la cuginetta più grande di Angela. La ragazzina, infatti, il giorno prima aveva affermato a Maria Celentano, madre della piccola, che l’indomani Angela sarebbe scomparsa. Alle telecamere di Chi l’ha visto, Rosa ha tuttavia spiegato che la frase era riferita solo ad una rivisitazione della favola di Cappuccetto Rosso, in cui la ragazzina aveva scambiato il nome della protagonista con quelli della cuginetta. Eppure basta perché i sospetti si concentrino anche su Rosa, mentre i genitori iniziano a pensare che possa essere una chiaroveggente.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori