Whatsapp down / Secondo ko in due settimane, problemi di connessione in Italia e non solo

- Matteo Fantozzi

Whatsapp down, secondo ko in meno di due settimane. Problemi di connessione in Italia e non solo con il servizio che diventa irraggiungibile, ma poi tutto viene risolto.

whatsapp_pixabay
Pixabay

Come capitato appena una settimana fa è arrivato un altro Whatsapp down con gli utenti che si sono lamentati vivamente sui social network arrivando a sottolineare come questa situazione non si debba più ripetere. I commenti ci fanno seriamente pensare come si sia davvero esagerato anche perché si potrà resistere a un paio di ore senza l’app di messaggistica istantanea. Andiamo a leggere i più simpatici con l’hashtag #whatsappdown che è entrato subito in trend topic: “Entrare su Twitter solo per scoprire se fosse un mio problema o che altro, fatto”, “A te twitter che con i tuoi cinguettii mi avvisi del fatto che nonostante tutto ci sarai sempre per me”, “Whatsapp ha smesso di funzionare, il terrore è tornato”, “Whatsappdown in tendenza tra 3, 2, 1…”, “Un minuto di silenzio per la gente che dava nuovamente la colpa al proprio wi-fi e che invece ha capito che la colpa è ancora di whatsapp”, clicca qui per tutti i tweet.

E’ il secondo Whatsapp down in meno di due settimane e il pubblico si lamenta.  Tra le ore diciotto e le diciannove ci sono stati dei problemi di connessione in Italia e gran parte dell’Europa da Parigi a Barcellona fino a Lisbona, Berlino toccando solo marginalmente l’Inghilterra e colpendo in maniera seria Germania, Belgio e Paesi Bassi. Un crash che ha portato a capire quanto ormai tutti siamo dipendenti da questa app che ci tiene in costante collegamento con colleghi, amici e parenti ventiquattro ore su ventiquattro.  La piattaforma però è stata ripristinata prontamente rispetto a quando due settimane fa ci era voluta quasi tutta una serata per lo scoppiare di incredibili polemiche. In Italia il picco di Whatsapp down si sono verificati a Roma e Milano mentre in molte città del nostro paese non se ne sono nemmeno accorti. Ora ovviamente la speranza di molti è che sia stato solo un falso allarme perché in tanti tornano dal lavoro a casa e allora saranno pronti di nuovo a invadere whatsapp per divertirsi con emoticons, video e messaggi istantanei.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori