CANTANTE NEOMELODICA SUICIDA A TORRE ANNUNZIATA / Lucia Caruso si lancia nel vuoto dal secondo piano

Cantante neomelodica suicida a Torre Annunziata, ultime news: la 35enne Lucia Caruso, madre di tre figli si getta dal secondo piano. Una crisi depressiva dietro il drammatico gesto?

18.05.2017 - Emanuela Longo
poliziadistato_facebook_2017
71enne morta assiderata coi polsi legati

Si è suicidata all’età di 35 anni la nota cantante neomelodica, Lucia Caruso, gettandosi da un balcone nel centro storico di Torre Annunziata poco prima di mezzogiorno. A darne notizia è il portale Napoli Today che ha ricostruito quanto avvenuto in mattinata in via Mazzini, nel quartiere murattiano del Comune in provincia di Napoli. Inizialmente non era stata diffusa l’identità della donna suicida, madre di tre figli. Stando ad una prima ricostruzione, la cantante si sarebbe tolta la vita gettandosi nel vuoto dal secondo piano di un edificio con piani alti. Prontamente trasportata presso l’ospedale di Boscotrecase, le sue condizioni sono apparse subito estremamente gravi ed infatti il decesso sarebbe sopraggiunto poco prima del suo arrivo presso la struttura ospedaliera. Sul suicidio drammatico di Lucia Caruso sono attualmente in corso le indagini da parte della polizia in quanto al momento apparirebbero del tutto ignoti i motivi del tragico gesto.

Lucia era molto nota a Torre Annunziata per via di alcune sue collaborazioni artistiche in qualità di cantante neomelodica. Per questo aveva duettato con nomi celebri del panorama musicale locale del calibro di Leo Ferrucci e Ciro Rigione rispettivamente in “Si cchiù giovane ‘e me” e “E ppe sempe”. Nel corso della sua carriera artistica aveva anche dedicato la canzone “La squadra del cuore” alla squadra di calcio del Napoli. Stando a quanto rivelato da Cronache della Campania nella sua edizione online, la donna 35enne da tempo soffriva di crisi depressive e forse proprio a causa della sua condizione avrebbe deciso di mettere fine alla sua vita con un gesto esemplare e allo stesso tempo drammatico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori