ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora: Borghezio, 50mila euro di risarcimento a Cecile Kyenge (18 maggio 2017)

Ultime notizie di oggi, 18 maggio 2017. Ultim’ora: la Juventus in corsa per il Triplete. Nuovo relatore per la legge elettorale. Incidente Nicky Hayden in bici: il pilota in gravi condizioni

18.05.2017 - Silvana Palazzo
Buffon_Chiellini_Juventus_ChampionsLeague_lapresse_2017
Gigi Buffon (foto LaPresse)

I fatti risalgono all’aprile del 2013  quando durante una puntata del programma radiofonico La zanzara su Radio24 l’allora europarlamentare della Lega, Mario Borghezio, insultò apertamente l’allora ministro Cecile Kyenge, Cominciò una disputa legale ora conclusa con la condanna per il politico per diffamazione aggravata dalla finalità di odio razziale. Borghezio dovrà pagare 50mila euro di risarcimento, cosa che ha definito di “eccezionale importo” tanto che “sarò costretto a vendermi la casa”.

La squadra di Massimiliano Allegri ha conquistato un risultato storico: ha vinto la dodicesima Coppa Italia, la terza consecutiva. Alla fine della partita la Juventus è stata premiata dal presidente della Repubblica Mattarella. Il triplete è a portata di mano per la Juventus dopo il successo dell’Olimpico contro la Lazio? Avendo vinto la Coppa Italia, i bianconeri possono puntare all’unico riconoscimento che ancora manca nella loro infinita bacheca: nel mirino ora scudetto e finale di Champions League. Buffon e compagni hanno fatto felici i loro tifosi superando la Lazio, ora devono pensare a conquistare il campionato per puntare poi alla vittoria nella finale di Cardiff contro il Real Madrid. 

Improvvisa mossa del neo segretario del PD Renzi, che oggi ha dato un accelerazione alla nuova legge elettorale cercando un’approvazione rapida prima dell’inizio delle ferie. Oggi infatti resa nota la bozza della legge elettorale modificata, legge che sarà presto presentata alla camera per la discussione. La nuova norma non vedrà però la firma come relatore del presidente della commissione affari costituzionali, il quale ha visto la sua proposta ritirata per il mancato appoggio di alcuni deputati del suo stesso partito. Critico sull’accelerazione il M5S, per il cui vice presidente la nuova norma non può essere approvata, a Di Maio si è rivolto direttamente Renzi chiedendo a quest’ultimo di avanzare altre proposte, ma non di rinviare ancora la data di approvazione.

Gravissimo Nicky Hayden, il pluridecorato campione di motociclismo, che quest’oggi è stato investito in bici mentre percorreva la statale che da Rimini va a Riccione. Il “top rider” che quest’anno partecipa al campionato Superbike si stava allenando con la sua bici, quando per cause ancora da accertare è stato centrato da una Peugeot. Non sono ancora chiari tutti i particolari dell’incidente, quello che si sa è che il campione di motociclismo è stato sbalzato sul cofano della vettura, rimasto esanime sull’asfalto è stato immediatamente soccorso e trasportato al locale nosocomio, dopo essere stato “stabilizzato” è stato nuovamente spostato questa volta in elicottero all’ospedale “Bufalini” di Cesena. Le condizioni di Hayden sono gravissime, con un trauma cranico e un “importante” trauma toracico. Preoccupa in particolare un ematoma cranico.

Scoppia la polemica dopo la sentenza relativamente alla vicenda che nel 2013 portò alla morte di 9 persone, perite dopo il crollo della “torre piloti” del porto di Genova, crollo conseguente all’impatto causato da un errata manovra della “Jolly Nero”. La corte ha disposto la condanna più pesante per il comandante della nave, Roberto Paoloni, che dovrà scontare 10 anni e 4 mesi di reclusione.

Condannati anche il secondo ufficiale, il direttore di macchina e il pilota del porto. Assolta invece la compagnia di navigazione Messina, che non è stata riconosciuta colpevole riguardo il mancato funzionamento di alcune apparecchiature a bordo del cargo. Alla lettura della sentenza è scoppiata la rabbia dei parenti delle vittime, parenti alla quale è stato riconosciuto un risarcimento, che assommato a quello dei vari ministeri arriva a quasi 21 milioni di euro.

Il Monaco è campione di Francia: il club monegasco ha vinto il titolo francese, la Ligue 1, un obiettivo che mancava dal 2000. Decisiva la vittoria sul Saint-Etienne per 2-0. Così il Monaco è salito a sei punti di vantaggio sul Paris St Germain, al secondo posto, quando manca una sola partita al termine del campionato francese. Il Monaco ha vinto proprio a dispetto dei campioni in carica.

Nonostante la sconfitta con la Juventus nella semifinale di Champions League, la squadra di Jardim ha firmato così una stagione eccezionale, nella quale ha segnato 155 gol in tutte le competizioni disputate, tra cui 104 in campionato, cioè più del doppio di quanti ne ha realizzati il Paris St Germain l’anno scorso. Il Monaco ha firmato un nuovo record: è andato a segno nelle ultime 31 partite di campionato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori