ULTIME NOTIZIE/ Oggi ultim’ora (24 maggio 2017): Calabria, sacerdote picchiato e ridotto in coma

- Fabio Belli

Ultima notizie oggi ultim’ora (24 maggio 2017): un kamikaze l’autore della strada di Manchester. Morto l’ex arbitro Farina, 25 anni senza Falcone, Nibali vince al Giro d’Italia

attentato_manchester_arena_concerto_ariana_grande_isis_terrorismo_regno_unito_polizia_lapresse_2017
Foto LaPresse

Picchiato e massacrato di botte, tanto da finire in coma. E’ successo al parroco della Madonna del Divino Soccorso a Reggio Calabria, capoluogo di regione, non uno sperduto paesino di montagna, don Giorgio Costantino. Il sacerdote aveva sorpreso questa notte un gruppo di ragazzi che si erano introdotti in canonica quasi certamente per fare un furto, magari sperando di trovare i soldi delle offerte o qualche oggetto d’oro. Lui ovviamente si era limitato a dire loro di andarsene, in cambio è stato pestato in maniera violenta. Ricoverato in ospedale con un ematoma alla testa, sarà sottoposto a delicato intervento chirurgico. Lo scorso settembre dei vandali, probabilmente per motivi di razzismo, avevano invece devastato il centro di ascolto della parrocchia dove viene dato aiuto a poveri e bisognosi.

Nessun controllo, nessun divieto di ingresso: a 24 ore dal massacro di Manchester e le assicurazioni che le forze dell’ordine di tutta Europa sono al massimo dell’allerta, ieri sera in piazza San Pietro si è assistito a un episodio incredibile. A parte lo sfregio di un simbolo sacro senza autorizzazione, già abbastanza grave, gli attivisti di Green Peace sono entrati con un camion con la gru ai bordi della piazza e con un riflettore hanno proiettato sul cupolone di San Pietro la scritta “Planet Earth First”, in polemica con la visita del presidente americano Trump il cui slogan come si sa è America first. Episodio inquietante da tutti i punti di vista.

Donald Trump è arrivato in Vaticano dove ha incontrato papa Francesco, Con lui la moglie Melania che osservando il protocollo (cosa che non fanno tutte le first lady quando incontrano il papa) aveva sul capo un velo nero. I due dopo i saluti si sono isolati nella Sala del Tronetto nell’appartamento papale. A Trump il papa ha regalato i suoi tre documenti magistrali come a tutti i capi di stato, e il tradizionale medaglione del pontificato con disegnato un ulivo simbolo della pace. Ma anche il suo messaggio per la Giornata mondiale della pace, “La non violenza, stile di una politica per la pace”. Lady Melania ha invece chiesto a Francesco di benedire un rosario mentre Trump ha regalato al pontefice un libro con i discorsi di Martin Luther King. Al termine dell’incontro Trump ha commentato: “Per me è stato un grandissimo onore incontrarla ed essere qui”. Adesso è atteso l’incontro con il presidente della Repubblica Mattarella. 

Sono stati ritrovati i resti dell’attentatore, che ieri a Manchester ha provocato una strage tra gli adolescenti che stavano assistendo al concerto della pop star Ariana Grande. Il soldato del califfato, già ieri notte era stato esaltato sui siti internet vicini all’Islamismo più radicalizzato, con molti articoli che inneggiavano alla sua bravura e al suo coraggio nel punire gli infedeli occidentali. Intanto sembra definitivo il bilancio delle vittime, esse dovrebbero essere per il momento 22, con molti feriti però che versano in condizioni gravissime. Oggi inoltre giunte le manifestazioni di cordoglio di tutti i leader europei, tra di esse spiccano quelle del nostro presidente del consiglio Paolo Gentiloni.

Una delle leggende del cinema internazionale è morto quest’oggi in un ospedale svizzero, si tratta dell’attore Roger Moore, divenuto famoso nei panni dell’agente segreto James Bond. L’attore che aveva 89 anni si era ammalato poco tempo fa, il suo fisico indebolito dalla vecchiaia non è riuscito a superare l’ennesima crisi. Il decesso è stato comunicato dai figli tramite un tweet, nella stessa comunicazione la famiglia si è detta commossa dell’affetto partecipato al padre, nonostante la sua ormai lunga assenza dai palcoscenici. Non è stata resa nota la data delle esequie funebri, esequie che probabilmente si terranno giovedì o venerdì con tutti gli onori, stante la carica di “baronetto” che era stata conferita a Moore qualche anno fa direttamente dalla regina Elisabetta.

Una zona di guerra, questa la prima impressione dei soccorritori, giunti per primi sull’autostrada presso lo svincolo di Capaci, dopo che 500 chili di tritolo erano stati fatti brillare dai killer della mafia. In quella tragedia perse la vita uno dei migliori giudici investigativi italiani, quel Giovanni Falcone che aveva messo all’angolo la mafia siciliana. L’attentato nella sua brutalità fece acquisire una coscienza nuova a tutta Italia, i corpi dilaniati del giudice, di sua moglie e dei tre uomini di scorta portarono il popolo siciliano a inscenare diversi cortei, cortei che culminarono in una violenta contestazione nel giorno delle esequie. Per il delitto fu arrestato e condannato in primo grado Totò Riina, capo mandamento siciliano che non si penti mai, come esecutore materiale fu condannato Giovanni Brusca, che invece passò subito nella schiera dei collaboratori di giustizia.

Tra misure di sicurezza imponenti è giunto a Roma il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump. L’aereo presidenziale è atterrato in perfetto orario all’aeroporto di Fiumicino alle 18.30, da qui dopo i saluti di rito è partito il corteo presidenziale che ha portato Trump e la moglie presso l’ambasciata americana, di via Vittorio Veneto, ambasciata presidiata da ingenti forze in tenuta anti sommossa. Domani l’atteso incontro con papa Francesco, poi la visita al capo dello stato e la partenza alla volta di Bruxelles. Trump è atteso venerdì e sabato a Taormina, dove parteciperà al G7.

Prima vittoria dello squalo Vincenzo Nibali al Giro d’Italia 2017: alla centesima edizione della corsa rosa, il ciclista più amato dagli italiani trionfa nella super tappa da oltre 200 chilometri con Mortirolo e doppio Stelvio, battendo al fotofinish Landa. Emozionato lo squalo che ora viaggia spedito verso il prossimo impegno.

Dopo l’attentato di ieri alla Manchester Arena che ha provocato 22 morti e 60 feriti, sale la preoccupazione per possibili attacchi terroristi in previsione della finale di Champions League, in programma il prossimo 3 giugno a Cardiff. Al Millennium Stadium si affronteranno la Juventus campione di Italia e il Real Madrid campione di Spagna in una gara che terrà incollati ai telespettatori milioni di tifosi e che richiamerà a Cardiff migliaia di supporters. L’intelligence sta lavorando a un grandioso piano di sicurezza, adottando misure straordinarie di prevenzione e repressione.

Si è spento ad appena 54 anni improvvisamente Stefano Farina, ex arbitro italiano, tra i fischietti più famosi del paese: in carriera ha diretto 236 gare in serie A e 117 di Serie B. Calciatori, allenatori, sportivi lo ricordano con affetto e commozione.

Il mondo del motociclismo e tutti gli appassionati di sport e motori continuano a piangere la drammatica fine di Nicky Hayden, il campione di MotoGp morto ieri pomeriggio in seguito ad un terribile incidente in bicicletta. Secondo un video in mano alla Procura, il 35enne americano, soprannominato Kentucky Kid, non avrebbe rispettato lo stop al semaforo: per l’automobilista che l’ha investito e ucciso non ci sarebbe alcuna responsabilità. Hayden aveva anche gli auricolari mentre era in sella alla bici e stava ascoltando della musica. La famiglia ha deciso di dire si alla donazione degli organi del campione delle due ruote: l’espianto multiorgano salverà molte vite.

In serie A arriva il verdetto del giudice sportivo su Danilo, calciatore dell’Udinese: il giocatore brasiliano dovrà subire due giornate di squalifica dopo l’espulsione rimediata durante il match Udinese-Samp. Danilo aveva spinto un avversario, Muriel della Sampdoria e gli aveva messo le mani al collo. Una giornata di squalifica anche per Rodrigo De Paul dell’Udinese, Senad Lulic della Lazio e Luis Fernando Muriel della Sampdoria.

Quella che si disputerà domenica sarà l’ultima partita in giallorosso di Francesco Totti: ormai l’addio alla Roma è scontato, resta da capire soltanto se il capitano abbandonerà per sempre il calcio o invece sceglierà di proseguire la sua avventura in un club diverso, magari all’estero. I tifosi sono già in fibrillazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori